CONDIVIDI

Potenza – Si è conclusa mercoledì 24 febbraio la IV edizione di IncontrArte, concorso internazionale di arti visive promosso dall’associazione In Arte Exhibit, con il patrocinio del Comune di Potenza e il sostegno della Banca di Credito Cooperativo Monte Pruno. La prestigiosa Galleria Civica di Palazzo Loffredo di Potenza si è presentata come ideale location per l’esposizione delle 40 opere in concorso, creando una singolare armonia tra pitture, sculture, fotografie di 25 artisti, rappresentando la varietà formale ed espressiva della produzione artistica attuale.

La serata finale si è contraddistinta per la grande partecipazione del pubblico e degli artisti presenti ed allietata da un recital di poesie di Angelo Parisi, Andrea Galgano e Francesco Potenza. Numerosi i premi e i riconoscimenti speciali, decretati da una commissione costituita dai componenti della redazione e dagli Storici dell’Arte della rivista In Arte Multiversi.

La vincitrice del concorso è Daniela Grifoni, con l’opera “Inconscio metafisico”. Questa la motivazione: “l’artista pone allo spettatore il problema dello spazio, caratterizzato dal gioco di vortici e dalla predominanza del colore blu, per eccellenza simbolo di equilibrio e calma, arricchito con materiali che impreziosiscono e riempiono le forme, amalgamandosi perfettamente nella visione d’insieme”. All’artista fiorentina è stata conferita una targa e un premio in denaro pari a € 500, offerto dalla Banca Monte Pruno.

Al secondo posto, Sante Muro, artista di Satriano di Lucania, con il dipinto “Spaccanapoli” per “l’aspetto fotografico dell’opera reso originale dalla lavorazione delle paste acriliche lasciate grezze nelle zone scure del dipinto. La scena di vita quotidiana del centro storico della città partenopea è ripresa secondo uno scorcio di pochi metri, reso con elementi cromatici accesi, ma anche con le lunghe ombre sul basolato che riescono a focalizzare lo spazio”. L’artista ha vinto una targa e un premio in denaro pari a € 200.

Il terzo classificato, meritevole di una targa e di un premio di € 100, è il melfitano Giuseppe Festino con l’opera “Priva”,nella quale “il ritratto femminile è particolarmente intenso, e in esso pochi colori caldi, l’espressività delle figure e le realistiche linee di contorno si fondono per dare un risultato di estrema concretezza”.

Un importante ruolo è stato inoltre affidato al pubblico, il quale durante tutta la durata della mostra, in sede o sul web, ha votato l’opera preferita, decretando così un ulteriore vincitore, un altro artista lucano, di San Chirico Nuovo: Giovanni De Canio con “Sfumature di Primavera”. Numerose le menzioni speciali, conferite agli artisti Marianna Andolfi con “Share some romance”, Armando Cistaro con “Natura morta con prodotti tipici del paese”, Rachid Ouala con “Il rifugio”, Achille Quadrini con “Cerchi nel grano”, Dario Rezzuti con”L’albero della vita”, Emilio Sorvillo con “Il giramondo”.