CONDIVIDI

Matera,2012-09-27  – “Il Tribunale Regionale del Lazio si e’ pronunciato con una sospensione in ordine al ricorso proposto” dalla Provincia di Matera sul riordino delle Province. Lo ha reso noto l’Ente di via Ridola che ha impugnato i criteri del Governo per il mantenimento in vita di tali enti. Quella di Matera non soddisfa il criterio demografico di 350mila abitanti.

“In pratica – fa sapere la Provincia in una nota – e’ stato negato tanto il rigetto quanto l’accoglimento del ricorso proposto dalla Provincia di Matera avverso alla delibera del Consiglio dei Ministri del 20 luglio scorso che stabilisce i due criteri numerici per la sopravvivenza dell’Ente relativi alla estensione territoriale e al numero della popolazione ivi residente. Tale decisione e’ giunta al termine dell’udienza cautelare svoltasi nella giornata di oggi ed e’ stata motivata dal presidente del Collegio giudicante dalla necessita’ – riferisce la Provincia – di attendere ulteriori provvedimenti regionali e/o statali che potrebbero anche mutare indirizzo, rendendo pertanto inutile la decisione giurisdizionale”.

Alla Provincia di Matera, apripista nei ricorsi sul riordino, si e’ aggiunta in udienza la Provincia di Sondrio. “Nei fatti il Tar del Lazio – afferma con moderata soddisfazione il presidente dell’Ente materano Franco Stella – non ha smentito la validita’ delle motivazioni evidenziate nel nostro ricorso. Elemento che ritengo significativo alla luce di un percorso avviato e che seguiremo sino in fondo nella convinzione che la nostra identita’ e il nostro territorio vadano tutelati”.Fonte: Adnkronos