CONDIVIDI

Il Dalai Lama nella Città della Pace il 25 giugno, sarà accolto a Scanzano Ionico presso la sede della Città in costruzione ed a Sant’Arcangelo presso le residenze che accolgono i primi rifugiati. Nel corso degli anni Betty Williams, ideatrice del progetto e presidente della Fondazione Città della Pace per i Bambini in Basilicata, ha avuto modo di raccontare al Dalai Lama il suo sogno di costruire un luogo che accogliesse i rifugiati e i profughi, durante i summit dei premi Nobel per la pace ai quali periodicamente si sono incontrati. L’idea ha suscitato il forte interesse del principale punto di riferimento spirituale del buddismo tibetano, che alla fine del 2011 ha chiesto a Betty Williams di visitare la Città della Pace e la regione dove questo piccolo miracolo si stava compiendo.
Una visita importante che esplicita il significato di pace e fratellanza sotteso alla nascita della Città della Pace della Basilicata, che, nel frattempo, sta allargando i confini a chi voglia offrire il suo contributo e sta instaurando nuove sinergie con gli enti locali e le associazioni, per contribuire al miglioramento dell’accoglienza e della crescita dei bambini ospitati.
Con l’arrivo dei primi ospiti nelle abitazioni di Sant’Arcangelo, il progetto di Betty Williams diventa un mosaico dal cuore pulsante a cui negli anni potranno aggiungersi nuovi piccoli tasselli per un percorso lungo e duraturo. L’impegno di Betty Williams e della Regione Basilicata, e in particolare del presidente Vito De Filippo, che hanno sempre creduto nella possibilità di utilizzare in maniera alternativa il territorio individuato dal governo centrale come possibile deposito di scorie radioattive, si è materializzato superando la fase decisionale burocratica amministrativa che ha caratterizzato i primi anni.
Un consuntivo sulle attività, ma soprattutto una panoramica sulle nuove iniziative sono state illustrati oggi in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente De Filippo, Betty Williams e i sindaci di Sant’Arcangelo e Scanzano Jonico, Domenico Esposito e Salvatore Iacobellis.
Due pilastri che hanno eretto il primo piano della Città della Pace. Quello fisico con la ristrutturazione delle sette abitazioni di Sant’Arcangelo acquisite dalla Fondazione Città della Pace e la costruzione del polo a Scanzano Jonico che si conta di completare entro il 2012, e l’azione fattiva della Fondazione che, operativa da gennaio 2011, ha messo in atto azioni coordinate per ottenere gli asset finanziari, logistici ed infrastrutturali indispensabili per l’avvio dell’attività.
Nel mese di febbraio 2012 sono arrivati i primi rifugiati presso le strutture di accoglienza di Sant’Arcangelo ed entro fine marzo si arriverà ad accogliere 10 rifugiati con l’obiettivo di riempire tutti i posti disponibili entro fine anno. La Città della Pace per i Bambini Basilicata ospita dalla fine della scorsa settimana una famiglia composta da tre bambini e tre adulti in fuga dalle aree del Mediterraneo orientale, sconvolte da conflitti e da persecuzioni ormai da lunghissimi anni, ed una giovane donna in attesa di un bimbo proveniente dall’Africa Occidentale. Attualmente, per questo primo gruppo di rifugiati, sono in funzione tutte le attività di accoglienza, tutela ed integrazione previste dal progetto.
Di pari passo la rete organizzativa, giorno dopo giorno, si allarga con l’intenso e fattivo coinvolgimento di chi vive il territorio lucano e sa che, grazie alle quotidiane funzioni svolte, potrebbe offrire un valido supporto alla Città della Pace lucana.
Due protocolli d’intesa, firmati quest’oggi con l’ufficio scolastico regionale e con l’Avis regionale, rappresentati rispettivamente dal direttore Franco Inglese e dal presidente Genesio De Stefano, attiveranno azioni mirate per promuovere una cultura adeguata ai tempi e all’internazionalizzazione. Diverse le attività previste: dalla realizzazione di specifiche iniziative che coinvolgano le istituzioni scolastiche del territorio lucano alla fornitura di adeguate attrezzature tecnologiche per agevolare la permanenza e l’integrazione degli ospiti della Fondazione che nel 2011 è riuscita ad attivare l’accoglienza gestita da un’equipe di giovani donne.
Un gruppo che ha partecipato ad una formazione specifica realizzata dalla Coop. Sociale il Sicomoro che da anni gestisce l’accoglienza di rifugiati nell’ambito del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati presso il Comune di Matera. Non si tratta solo di un’equipe di giovani in grado di svolgere le attività di accoglienza, tutela ed integrazione dei rifugiati a Sant’Arcangelo ma questa è la prima possibile ricaduta occupazionale della Città della Pace con la trasformazione futura dell’equipe in una cooperativa sociale.
Nei prossimi mesi, inoltre, inizierà la sua attività un volontario di nazionalità tedesca sulla base di uno specifico accordo siglato con la fondazione PeaceJam che agisce nel settore a livello internazionale. La prossima settimana inizierà il corso di lingua italiana per i rifugiati presso la sede di via Matteotti aperto anche ad altri stranieri e con il supporto dell’Apofil.
Un impegno ramificato che vede scendere in campo anche il settore artistico con uno spettacolo, organizzato dal Rotary Club Potenza, che il 1 aprile alle ore 18,30 vedrà esibirsi gratuitamente presso il Teatro Stabile di Potenza Ulderico Pesce e Graziano Accinni-Ethnos Trio. Fonte: AGR