CONDIVIDI

sulmonaPotenza – La stagione sportiva 2014/2015 sta volgendo al termine per i leoni del CUS Potenza Rugby e per Buchicchio e compagni è il momento degli ultimi impegni a coronamento di una stagione fantastica. I numeri parlano di un Potenza vittorioso in tutte le partite del torneo appena concluso, vero orgoglio per tutta la città capoluogo. Proprio alla luce di questo fantastico risultato, il CUS Potenza Rugby, in collaborazione con l’Amatori Old Rugby Sulmona e il Sulmona Rugby, andrà in terra abruzzese per uno stage finale dove i ragazzi di mister Passarella, si immergeranno in un ambiente rugbistico diverso da quello a cui sono abituati.  L’idea è nata dal coach dei lucani che ha voluto fortemente questa esperienza per se e per i suoi ragazzi. “L’idea di confrontarci con una squadra di un’altra realtà – ha dichiarato Passarella – è nata dalla volontà di poterci misurare con squadre che hanno una storia rugbistica alla spalle molto più lunga della nostra. Abbiamo scelto l’Abruzzo e il Sulmona per via della forte trazione rugbistica e per il livello agonistico del campionato in cui milita appunto il Sulmona Rugby. Abbiamo preparato questo final stage – ha continuato Passarella – con lo spirito giusto ovvero quello della festa di fine stagione ma comunque con un occhio particolare alla tecnica e alla tattica. Il test match che ci aspetta sarà sicuramente diverso dagli incontri che abbiamo disputato in questa stagione. Il Sulmona Rugby, come detto, milita nel campionato di C2 abruzzese ed ha incontrato nel suo cammino squadre quotate come la Polisportiva L’Aquila ed è quindi abituata a match di grande livello. Seppur sarà una festa, noi andremo in terra abruzzese per giocare il nostro rugby, quello che ci ha dato tante gioie quest’anno. Questo final stage, infine, rappresenterà per i nostri giovani dell’under 18 che ci accompagneranno, la possibilità di vivere un’esperienza rugbistica nuova e sicuramente esaltante.”

Una festa di fine stagione insomma per i ragazzi del CUS Potenza Rugby che andranno in terra abruzzese per poter, nel più puro spirito rugbistico, divertirsi e al contempo fare un’esperienza da ricordare per tutta la vita, come il campionato 2014/2015.