CONDIVIDI

cus potenza

cus potenza

L’emozione dell’esordio stagionale e il caldo si fanno sentire e le gambe dei lucani tardano a carburare. I primi 10 minuti sono di sostanziale studio tra le compagini ma al 10’ del primo tempo ecco la prima emozione della partita targata Potenza Rugby. Da un touche ben giocata la palla arriva velocemente a capitan Lotito che apre veloce il gioco sulla cavalleria dei tre quarti; dopo diverse fasi veloci, la palla arriva al vice capitano di giornata Michele Ligrani che schiaccia oltre la linea bianca; capitan Lotito non trasforma e si va sullo 0 a 5. Il Potenza cerca di imbastire il suo gioco, ma gli uomini di Passarella sembrano contratti, confusi e poco incisivi nei punti d’incontro. Di questa situazione ne approfitta il Salento Rugby che alza il baricentro del suo gioco e mette alle corde la difesa nero verde. Al 25’ tutto lo sforzo salentino si concretizza in una meta di mischia realizzata dagli avanti giallo neri con diversi pick and go; l’apertura non trasforma e si torna in perfetto equilibrio, 5 a 5. I leoni si risvegliano e riprendono a giocare il proprio rugby anche se in maniera non proprio fluida; il Salento cerca comunque di ritardare il gioco veloce dei lucani ma lo fa anche commettendo diversi falli, al 35’ capitan Vincenzo Lotito sfrutta l’indisciplina salentina e piazza tra i pali la punizione che porta le squadre al riposo sul 5 a 8 per il Potenza.

La seconda frazione si apre sulla falsa riga del primo tempo, con il Potenza che cerca ma non riesce ad esprimere il suo gioco e il Salento che prova a sfruttare a proprio vantaggio la situazione. Tra rapidi cambi di fronte, touche combattute, mischie potenti, il secondo tempo scivola senza che nessuna delle due squadre prenda il sopravvento ma al 60’ l’azione che cambia il corso della partita. Dopo una serie di ruck insistite vicino alla linea dei 10 metri lucana, l’apertura del Salento calcia in profondità dietro la seconda linea di difesa potentina; un’incomprensione del triangolo allargato nero verde permette al numero 8 del Salento di schiacciare sotto i pali, la meta viene trasformata e si va sul 12 a 8 per i padroni di casa. Nonostante la meta subita, il Potenza fatica ad imbastire manovre di gioco convincenti, soprattutto in ripartenza dalla touche. Il Salento comunque cerca di amministrare il vantaggio con una difesa fin troppo aggressiva ed a tratti indisciplinata; questa condizione permette ai nero verdi di sfruttare diversi calci di punizione; da uno di questi nasce il calcio che riporta il CUS a -1 dai padroni di casa al 32’, 12 a 11. Gli ultimi minuti sono di autentica battaglia nei quali il Potenza, finalmente si sveglia e crede nel colpaccio.

Il Salento prova a difendersi come può, commettendo ancora diversi falli; da uno di questi, commesso al 39’ nasce l’azione migliore dei lucani; la palla viene giocata velocemente da Giordano che apre su Esposito che carica in maniera veemente la difesa giallo nera e mette sul piede avanzante l’attacco potentino, la palla arriva a capitan Lotito che scarica sul fratello Giuseppe, l’ovale arriva velocemente dapprima a Stefano Pergola e poi a Ligrani che gioca un ottimo 2 contro 1 proprio con il capitano Vincenzo Lotito che va in solitaria, all’ultimo respiro, a depositare la palla in meta, la trasformazione non riesce ed il match si conclude con il risultato di 16 a 12 per il CUS Potenza Rugby.

“Il match d’esordio si è concluso come speravamo, ovvero con una vittoria – ha dichiarato, a fine partita coach Giovanni Passarella – Usciamo vincitori dal campo ma il Salento Rugby, oggi, ci ha messo in seria difficoltà. Sarà stata l’emozione dell’esordio stagionale, sarà stato il caldo ma oggi il gioco espresso dai miei ragazzi non è stato dei migliori. Eravamo contratti, a tratti confusi ma siamo riusciti comunque a sfruttare al meglio le indecisioni della difesa salentina e le abbiamo tramutate in meta. Abbiamo molto da lavorare, soprattutto sulle touche e sui punti d’incontro, mentre la mischia ha retto bene, essendo stata nell’arco degli 80 minuti di gioco, sempre vincente ed avanzante.”

Infine complimenti ai 5 nuovi esordi che ci sono stati in terra salentina, 4 dei quali sono giocatori provenienti dalla under 18 e che fanno ben sperare per il futuro del rugby nero verde ed un grazie va anche a coloro che da quest’anno stanno sostenendo l’avventura dei leoni potentini in questo lungo campionato, ovvero la BCC di Laurenza e Nova Siri, da subito vicini a sostenere le gesta dei nero verdi.

Prossimo impegno per i leoni potentini sarà domenica prossima 25 ottobre per la prima partita tra le mura amiche del Campo Scuola di Macchia Romana, quando affronteranno l’Omnia Rugby Bitonto e al quale vi aspettiamo in massa per sostenere i colori nero verdi

Questo il Potenza sceso in campo:

Basilio F. (1) – Becce* (2) – Esposito (3) – Marsico (4) – Sampogna (5) – Rado (6) – Mastrangelo* (8) – De Rosa (7) – Giordano* (9) – Lotito V. (cap) (10) – Grippa (11) – Ligrani (12) – Pergola S.* (13) – Scavone (14) – Lotito G. (15)
A disposizione: D’Andrea (16), Santarsiero (17), Racina (18), Basilio P.* (19), Falanga (20), Benedetto (21), Giosa (22). (*esordiente)

Risultati e classifica dopo la prima giornata:
Omnia Bitonto – Panthers Modugno: 50-0 (8-0)
Murgia Rugby – Messapica Rugby: 29-22 (5-3)
Salento Rugby – CUS Potenza Rugby: 12-16 (2-2)
Draghi BAT – San Severo Rugby: 75-0 (11-0)
Riposa: Granata

Murgia XV Rugby: 5 pt.
Draghi BAT: 1 pt. (pen. -4)
Messapica Rugby: 1 pt.
Omnia Bitonto: 1 pt. (pen. -4)
CUS Potenza: 0 pt. (pen. -4)
Meridiana San Severo: 0 pt.
Panthers Modugno: 0 pt.
Salento Rugby: -3 pt. (pen. -4)
Rugby Club Granata: -4 pt. (pen. -4)