CONDIVIDI

cus-potenza-300x190.jpgPotenza – Dopo quasi due mesi di inattività il CUS Potenza Rugby è tornato a giocare ma la lunga sosta non ha diminuito la fame dei leoni che hanno continuato nella loro striscia positiva di risultati, battendo la capolista del girone Murgia XV, al Peppino Casone di Santeramo, per 27 a 23. Con questa ennesima vittoria i nero verdi collezionano l’undicesima vittoria in altrettante partite, restando imbattuti in questo campionato. Il match, come da previsioni, inizia con il Murgia subito in palla e gli ospiti a difendersi in maniera ordinata. I primi 10 minuti sono di sostanziale equilibrio ma al 12’ Danilo Conte rompe la parità portando il Murgia sul 3 a 0 con una punizione davanti ai pali potentini. Il CUS reagisce subito ed infatti passano solo 5 minuti e Alfonso Lombardi riporta la partita in parità, 3 a 3. La punizione messa a segno dall’ala lucana è come una sveglia per i nero verdi che cominciano a macinare gioco con incursioni potenti e difesa aggressiva. Il Potenza continua a spingere e la difesa murgiana cerca di difendersi come può, commettendo anche dei falli. Da uno di questi nasce il vantaggio, al 25’, del Potenza sempre grazie al piede di Alfonso Lombardi, 3 a 6. Il primo tempo continua con una sostanziale supremazia degli ospiti che vanno ancora a segno, al 31’, con Alfonso Lombardi, salvo poi concedere una punizione ai padroni di casa che accorciano le distanze e fissano il punteggio della prima frazione sul 6 a 9.

Il secondo tempo inizia con il Potenza deciso a fare sua la partita e a capitalizzare la supremazia dimostrata nel primo tempo, sia in attacco che in difesa. Passano solo 5 minuti e la mischia potentina da prova della sua forza, segnando una meta spettacolare. Da una touche presa in sicurezza da Scavone sui 10 metri murgiani, tutto il pack si chiude in una maul che diventa inarrestabile; infatti gli 8 uomini di mischia spingono per quasi 40 metri di campo sino all’area di meta murgiana, dove Rocco Di Melfi schiaccia senza problemi e il risultato vola, grazie anche alla trasformazione di Alfonso Lombardi, sul 6 a 16. Il Murgia però è squadra di rango e reagisce subito; passano infatti solo altri 10 minuti e l’ala dei cinghiali schiaccia alla bandierina, Conte non trasforma e il risultato si porta sull’11 a 16. Sbloccate dalle due segnature, le compagini si affrontano per tutto il secondo tempo a viso aperto, con rapidi capovolgimenti di fronte e mettendo sul campo agonismo e voglia di lottare su ogni pallone, rendendo la partita godibile sia in campo che fuori. Alla meta del Murgia, il Potenza risponde al 25’ con un altro calcio di Alfonso Lombardi che allunga nuovamente, 11 a 19. Buchicchio e compagni capiscono che è il momento di chiudere la partita e ci provano con una bella azione corale di tutta la linea dei tre quarti che porta Grippa quasi in meta ma il direttore di gara da solamente una mischia a favore del Potenza sui 5 metri. Sulla conseguente mischia, il pack lucano si dimostra ancora sovrastante e spinge con veemenza mettendo in condizione ancora Rocco Di Melfi di schiacciare in meta, Lombardi non trasforma e il risultato va sul 11 a 24 al 32’. Il Murgia non ci sta e attacca con tutta la forza del suo organico. Il CUS si difende strenuamente ma dopo aver salvato una meta quasi realizzata da Catanese, ne subisce una di punizione, comminata dal direttore di gara per un fuorigioco della linea di difesa ospite, 18 a 24. Gli ultimi 5 minuti sono assolutamente palpitanti; al 39’ ancora una volta Lombardi centra i pali e porta i suoi sul 18 a 27 ma allo scadere, nell’ultima azione, il Murgia segna la 3° meta che non viene trasformata e che fissa il punteggio finale sul 23 a 27.

“E’ stata una partita bellissima e giocata a viso aperto da tutte e due le squadre, soprattutto nel secondo tempo – ha dichiarato, a fine match coach Giovanni Passarella – I miei ragazzi hanno messo sul campo tutto, il 100% delle loro energie fisiche e mentali ed abbiamo portato a casa un risultato importantissimo. Dopo i meritati festeggiamenti però dovremo pensare all’importante e difficile trasferta che ci aspetta domenica prossima in quel di Mesagne contro il Messapia.”

Questo il Potenza sceso in campo:

Pacella (1) – Rado (2) – D’Andrea (3) – Marsico (4) – Sampogna (5) – Ligrani (6) – Di Melfi (8) – Esposito (7) – Buchicchio (cap.) (9) – Lotito V. (10) – Lombardi A. (11) – Galante N. (12) – Pergola (13) – Scavone (14) – Grippa (15)
A disposizione: Lombardi M. (16), Santarsiero (17), Bitella (18), Benedetto (19), Ianniello C. (20), Falanga (21), Giosa (22).

Risultati e classifica dopo l’undicesima giornata:

Omnia Rugby Bitonto – Rugby Club Granata: 0-13 (0-2)
Murgia XV Rugby – CUS Potenza Rugby: 23-27 (3-2)
Salento Rugby – Messapia Mesagne: 29-23 (3-3)

Ha riposato l’Artas Rugby Brindisi

Murgia XV Rugby: 37 pt.
CUS Potenza: 34 pt. (pen. -8)
Rugby Club Granata: 17 pt.
Messapia Mesagne: 15 pt. (pen. -8)
Salento Rugby: 15 pt.
Artas Brindisi: 12 pt.
Omnia Bitonto: 2 pt. (pen. -4)