CONDIVIDI

Dopo aver partecipato a un incontro a Venosa, organizzato dalla CIA, sul tema dell’evoluzione del comparto vitivinicolo e della situazione regionale segnata dalla difficoltà delle nostre aziende sul mercato, dall’arresto di crescita del settore produttivo, dal rallentamento degli investimenti privati si avverte la necessità di mettere in campo azioni incisive per il rilancio del settore. Fra queste azioni la necessità di avviare l’Enoteca Regionale, in rispetto della L.R. n. 13/2008, con sede ospitante individuata, nel 2009 , nel Comune di Venosa che per la sua storica collocazione, rappresenta il luogo ideale d’incontro tra vino, tradizione e cultura.
A tal fine l’Intergruppo di consultazione costituito dai Consiglieri regionali Francesco Mollica, Roberto Falotico e Alfonso Ernesto Navazio hanno presentato una mozione con la quale impegnano il Presidente e la Giunta Regionale ad approvare lo Statuto e il regolamento dell’Enoteca Regionale, nella forma giuridica di consorzio, e a nominare un Commissario che dia corso a questa fase di attività nonchè di prevedere l’immediata realizzazione di un gruppo di lavoro composto dalle due Province, dall’APT e dai Consorzi dei produttori, coinvolgendo il Comune di Venosa per la individuazione dei locali da destinare a sede dell’Enoteca stessa.
I vini lucani, nonostante le eccellenze qualitative, sono ancora poco conosciuti per cui va sostenuta l’attività di promozione del vigneto Basilicata sui mercati nazionali ed internazionali con l’utilizzo di uno strumento quale l’Enoteca Regionale che diventa punto di riferimento del mondo produttivo, operatori del settore, consumatori e turisti, ed è indispensabile per la partecipazione a progetti nazionali di ampio respiro.
Occorre altresì puntare su un formazione adeguata del capitale umano da impegnare in tale attività e su una programmazione di valorizzazione dei territori con l’organizzazione di filiere e distretti agroindustriali con il riconoscimento di ruolo principale ai Consorzi.
Lorenzo Zolfo