CONDIVIDI

cartina angelilloMelfi – Ancora una volta Vito Angelillo della 010 Bike Melfi, lascia a bocca aperta tutti gli appassionati del ciclismo estremo, ma non i suoi compagni d’avventura della società melfitana, che conoscono a fondo le eccezionali doti del ciclista di Rapone. Le Alpi attraversate in bici, 658 km da Monaco di Baviera a Ferrara, in 34 ore 48 minuti 39 secondi.  Questa è la gara più lunga del campionato italiano, l’unica randonnée che attraversa quattro stati diversi, dalla verde Baviera in Germania, alle salite austriache del Tirolo, ai passi alpini svizzeri, poi la Val Venosta in Alto Adige, Bolzano e la discesa a sud, lungo l’Adige, passando per Trento, costeggiando il Mincio fino a Mantova, poi l’argine del fiume Po per arrivare fino a Ferrara. Questa è la Rando Imperator Monaco – Ferrara, la più recente delle imprese del lucano, gara che si è svolta prevalentemente su piste ciclabili lungo la Via Claudia Augusta, con 82 km di sterrato, l’antica strada romana che collegava il Danubio al Po e all’Adriatico; un tracciato unico per scrivere la propria storia e sentirsi Imperatori.

A rendere ancora più epica l’impresa del ciclista lucano, l’incidente di percorso che ad 87 km dall’arrivo ha visto le pedivelle della bici cedere e spaccarsi sotto la sua potente spinta, un imprevisto non di poco conto, ma prontamente superato dal lucano che le ha riparate alla meglio per poter concludere la gara.

angelillo
Angelillo

Avendo ottenuto i brevetti in tutte e quattro le distanze 200, 300, 400 e 600 km nello stesso anno solare, Angelillo ha conquistato il privilegio di entrare a far parte della nazionale italiana randonneurs, il cui raduno si svolgerà a Biella il 15, 16 e 17 luglio, con una prova da incubo con 627 km e 12000 m di dislivello che si snoderà sulle alpi italiane francesi e svizzere nello specifico: colle Mocenisio, Col d’Iseran (2770 metri, il più alto d’Europa), val d’Isere, Bourg St. Maurice, Cormet de Roseland, Col des Saisies, Megeve, Chamonix, Col des Montets,  Col de la Forclaz, Martigny, Colle del Gran San Bernardo.
In merito a questa convocazione Angelillo ha dichiarato “La nazionale mi da la possibilità di far parte della squadra che tenterà l’assalto al campionato Challenge Europe che quest’anno si terrà in Italia, con una prova di 1623 km, la famosa 1001 miglia, la più lunga ed estrema randonnée d’Europa, che attraverserà Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Umbria, Lazio, Toscana, Liguria e Piemonte, con partenza e arrivo da Milano.”.
Con questa convocazione in nazionale avviene quindi la consacrazione di questo atleta, che grazie a sacrificio ed abnegazione sta raggiungendo risultati davvero impressionanti, portando in alto il nome della nostra regione, della sua società, la 010 Bike Melfi che lo sostiene ardentemente ed anche del CSI di Melfi, ente di cui fa parte il suo team.