CONDIVIDI

aereoGinestra (PZ), 2014-07-26 – Gli asiatici hanno le compagnie aeree più eficienti del mondo.Il parere del Dott. Antonio Romano di Ginestra, presente a questa rassegna economica. – Nell’ambito del workshop sulla “Potenza delle comunicazioni e dei Trasporti, volano dell’Economia ??” il 15 luglio al Farnborough International Airshow in Gran Bretagna, ha partecipato come invitato in CVC, a questa interessantissima rassegna economica e politica, anche il dott. Antonio Romano di Ginestra.

Tutti gli anni, la società di ricerca inglese Skytrax ha elaborato, il World Airline Awards, una classifica che seleziona le 100 migliori compagnie aeree del mondo. Cathay Pacific si è classificata prima nel 2014, il marchio asiatico con sede a Hong Kong, già nel 2009 aveva conquistato il primo premio. Per dare una base sostanziale alla classifica, sono stati considerati diversi parametri, a cui quest’anno hanno partecipato oltre 19 milioni di viaggiatori di tutto il mondo. Le compagnie asiatiche e mediorientali sono da molti anni nella top ten delle classifiche mondiali di qualità.

I criteri di classificazione sono i seguenti: individuare i migliori aeroporti, le linee aeree più efficienti, il personale di bordo e di terra più qualificato, l’intrattenimento e il catering di bordo di migliore qualità e altri elementi determinanti in un viaggio aereo, mettendo in primo piano il comfort dei passeggeri.

Al secondo posto troviamo Qatar Airways, compagnia di bandiera del Paese mediorientale che mantiene lo stesso piazzamento conseguito nel 2013, dopo essere stata prima nei due anni precedenti. Al terzo e quarto posto si sono piazzate, Singapore Airlines e Emirates. Quest’ultima, dopo aver vinto il prestigioso premio solo lo scorso anno, nel 2014 perde tre posizioni. Tra i primi 10 solo due sono i concorrenti europei: Turkish Airlines e Lufthansa. Ottima la performance di Turkish Arlines, che guadagna il quinto posto in graduatoria, lasciandosi alle spalle All Nippon Airlines e Garuda Indonesia, seguita da Asiana Airlines. A chiudere la top ten i due vettori che si stanno contendendo i cieli europei in questi giorni: in nona posizione Ethiad Airways e in decima

Un capitolo a parte, spetta al gruppo cosiddetto “dei vettori insufficienti” e tra questi c’è la nostra Alitalia, che si piazza solo al 70° posto su 100, superata anche da vettori di paesi del terzo e quarto mondo. Alitalia difetta praticamente in tutto, secondo il sondaggio di oltre 19 milioni di passeggeri di tutte le nazionalità. I suoi maggiori difetti sono: ritardi di arrivi e partenze, scarso confort a bordo nelle tratte internazionali, assistenza del personale a terra e a bordo insufficiente, personale disorganizzato e arrogante, poca conoscenza delle lingue straniere, scarsa assistenza a bordo per i transfer, enormi ritardi nella consegna dei bagagli negli Hub internazionali di Roma e Milano MPX, catering di bordo di bassa qualità, scarsa formazione e motivazione del personale. Ma la cosa più

negativa è rappresentata dell’opinione del sondaggio sul personale ALITALIA: poca professionalità, poco interesse al lavoro e alla reception dei clienti. Quindi 70° posto meritato, su 100 compagnie di tutto il mondo. La premiazione dei primi 10 Vettori Mondiali è avvenuta il 15 luglio al Farnborough International Airshow in Gran Bretagna. Questi premi rappresentano per i primi vettori al mondo, un momento di grande competizione e di grande share per il mercato mondiale, attento alla qualità dei servizi offerti nei trasporti. Erano presenti i rappresentati delle compagnie e dei governi di quasi tutti i paesi del mondo: assenti, ovviamente, Alitalia e responsabili del

dicastero dei trasporti italiano”.