CONDIVIDI

Ginestra, 2012-12-03 – Sembra che i tagli si riflettono anche nel campo ecclesiastico. Per qualche giorno, il piccolo centro arbereshe è rimasto senza parroco, dopo il trasferimento a Rapone di don Severino. Per colmare questo vuoto, il Vescovo della Diocesi ha incaricato il parroco di Ripacandida, distante solo 3 km da Ginestra, di occuparsi anche di questa parrocchia e domenica 2 dicembre si è insediato il nuovo parroco, è don Francesco Di Stasi, originario di Montemilone. Assumerà la funzione di amministratore parrocchiale. Presentandosi alla comunità nella messa domenicale delle 11 don Francesco ha detto: “il Vescovo della Diocesi, padre Gianfranco Todisco mi ha chiesto di fare l’amministratore parrocchiale fino a quando non troverà un nuovo parroco.

A Ripacandida quando hanno saputo di questa mia nuova nomina si sono subito preoccupati, ho tranquillizzato la comunità assicurando la presenza di un altro parroco durante la mia assenza nella persona di don Tonino, cappellano della casa circondariale di Melfi, che mi aiuterà in questo ulteriore compito pastorale, che durerà probabilmente fino alla fine dell’anno pastorale. ”. Mercoledì 5 dicembre dopo la messa feriale, don Francesco incontrerà tutti i gruppi della parrocchia. Alla fine della celebrazione eucaristica immancabile foto di gruppo col nuovo parroco.
Lorenzo Zolfo
La foto ritrae don francesco durante la santa messa e con i gruppi della parrocchia.