CONDIVIDI

Ginestra – Anche il piccolo centro del Vulture è stato interessato dalle abbondanti nevicate lo scorso mese di febbraio, fino al punto che ci sono voluti cinque giorni per liberare la strada provinciale che porta a Venosa. Il Sindaco, dott. Giuseppe Pepice, lo scorso 12 marzo, ha ringraziato con una lettera aperta indirizzata a tutti i cittadini tutti quelli che si sono prodigati per liberare il paese dalla neve. Ecco il contenuto di questa lettera. “ Cari concittadini, a seguito degli straordinari fenomeni meteorologici verificatisi nel mese di Febbraio u.s. , l’Amministrazione comunale è stata chiamata ad un notevole impegno straordinario per fronteggiare l’emergenza. La nevicata 2012 è stata eccezionale, non si ricorda evento simile negli ultimi trent’anni, ed è già stata archiviata come evento storico. 
Ciò nonostante nell’emergenza è stato profuso un impegno generoso e senza tregua da parte della struttura comunale e di tutti gli amministratori.I collegamenti con Rionero sono stati garantiti da subito, le principali vie cittadine sono state mantenute percorribili, garantiti altresì interventi ai presidi medici, agli edifici di interesse pubblico, agli esercizi commerciali di primaria necessità, agli anziani nonché alle persone con grave disagio, permettendo che si svolgessero dunque tutte le attività di cure e soccorsi urgenti. Non sono mancati elogi per il nostro operato da parte delle autorità superiori e dei responsabili regionali della Protezione Civile, i quali hanno notevolmente apprezzato il forte ed efficace impegno profuso durante quei giorni. Un ringraziamento speciale però intendiamo rivolgerlo ai tanti cittadini e alle Associazioni che in quelle difficili circostanze hanno mostrato un particolare senso civico, una generosità e un grande senso di responsabilità, affiancandoci al fine di portare a termine l’impresa di soccorso a favore della nostra Comunità.
Essi, meglio di qualunque altra considerazione, sono stati la testimonianza vivente di ciò che deve significare fare Protezione Civile. Nell’emergenza conclamata ogni cittadino è parte della Protezione Civile, è quindi doveroso per ognuno sapersi rendere utile per una causa comune e per uno scopo di tutela civile. Un pensiero rivolgiamo anche a coloro che nella difficoltà hanno preferito stare a guardare, forse per meglio farsi portavoce di quella solita critica sterile, a volte feroce. Appartenere ad una cittadinanza deve invece significare prendere coscienza dei nostri diritti ma soprattutto di quelli che sono i nostri doveri nei confronti degli altri, a maggior ragione nei momenti del bisogno, quando cioè devono trovare la forza di affermarsi i valori migliori e più autentici di una Comunità.
In ogni caso ciò che rimane sono sempre le buone azioni, le critiche, specie quando strumentali, le porta via con sé il vento. Grazie!”.
Lorenzo Zolfo
La foto ritrae Ginestra coperta dalla neve lo scorso mese di febbraio.