CONDIVIDI

Ginestra – Nei gioni scorsi la comunità cristiana del piccolo centro arbereshe ha accolto padre Antonio Torredimare, padre trinitario, parroco per otto anni dal 1976 al 1984. E’ stato un piacevole amarcord. Teresa Vaccaro, a nome della parrocchia nella chiesa madre di San Nicola Vescovo, dove padre Antonio ha celebrato una santa messa, lo ha accolto:”

Siamo felici di accoglierti dopo 32 anni dal nostro distacco. Sei stato una testimonianza di fede condividendo gioie, dolori, ansie ed aspettative”. Padre Antonio, con alle spalle 41 anni di servizio pastorale, a fianco circondato dai chierichetti di allora ( Antonio Gremigna, ora M° di Polizia Municipale ed Emilio Giambersio, dipendente azienda Barilla) ha ringraziato: “il mio ingresso in chiesa con la prima messa sono stato accolto da pochissime persone, pochi bambini e qualche adulto.

Ero un giovane sacerdote ed avevo preparato una predica per le grandi occasioni. Ho vissuto 8 anni in una bella comunità. Ho fatto anche errori, ma anche cose buone. Il Signore si serve di noi. Non attribuite a me quanto di buono ho fatto, ma al Signore, come dice San Paolo”. Prima di far ritorno ad Esperia (Frosinone) dove svolge ancora il suo mandato pastorale, padre Antonio ha fatto una foto di gruppo con tutta la comunità e con alcuni giovani di allora, alcuni hanno studiato in istituti gestiti dai padri trinitari.