CONDIVIDI

Ginestra – Ginestra 30 maggio 2012. Il piccolo centro arbereshe è stato visitato da una scuola di Rionero (due classi della scuola primaria “Preziuso” accompagnati da docenti Giulia Cicchiello e Maria Pia Calice e genitori, vedi foto). Ad accogliere la comitiva rionerese, l’amministrazione comunale, il vice sindaco Pompa, assessori Tucciariello e Del Franco, la responsabile dello sportello linguistico, dott.ssa Antonietta Perrotta, il C.di Polizia Municipale, M° Gremigna, che ha fatto anche da Cicerone, e la scuola primaria di Ginestra. Prima visita, la splendida chiesa madre di San Nicola Vescovo, dove campeggia un maestoso mosaico bizantino del Cristo Pantocratore, tra la Madonna di Costantinopoli (protettrice del paese) e San Nicola (patrono).La dott.ssa Perrotta ha dato ampia spiegazione sulle origini del paese, fondato da profughi arbereshe.Seconda visita: il Borgo dei Sapori arbereshe di piazza Raffaele Ciriello, dove sono state riprodotte con attrezzi ed utensili di una volta, la bottega del pane, dei pastori, del vino e dell’olio, in evidenza i due costumi arbereshe,femminile e maschile, apprezzati dai bambini ed insegnanti.  Luigi Pipolo, un bracciante agricolo del posto ha fatto vedere in diretta la lavorazione del formaggio e della ricotta e li ha fatti degustare ai graditi ospiti (vedi foto). Altre signore hanno fatto vedere come si fa la pasta in casa. Terza visita: orto etno-botanico, dove sorgono piante mediterranee. L’agronomo Albino Grieco di Rionero,che insieme ad altri è stato curatore di questo giardino, tra l’altro rappresentante dei genitori delle scuola di Rionero, ha illustrato le caratteristiche di questa area verde, che merita di essere migliorata.Quarta visita: il bosco di Ginestra  ed il famoso percorso del Cinghiale (ancora da inaugurare). La comitiva di Rionero è ritornata a casa con più sapere culturale e sapori culinari.

Lorenzo Zolfo