CONDIVIDI

Ginestra (PZ), 2014-05-07 – Un 6 maggio,una giornata memorabile per il piccolo centro arbereshe.Maria Nunziata Larossa ha compiuto 100 anni.Una donna ancora lucida, arzilla e dalla memoria lunga.Nata quando è scoppiata la 1^ Guerra Mondiale, ha sempre portato avanti le redini di famiglia con 4 figli: Michele, il più grande, ex dipendente del Ministero del Tesoro, abita a Roma;Antonietta, trasferita a Latina,Donato, l’unico che abita con lei a Ginestra e Dino, residente a Varese. Delle otto sorelle, tre sono ancora in vita, Virginia 93 anni, abita a Ginestra, Esterina 91 anni e Fiorina 90 anni. Vedova dal 1977, aveva un hobby particolare, fino a pochi anni fa, con l’uncinetto creava dei centro-tavole, sciarpe, mantelli, maglie e delle cuffiette per i bambini appena nati. Parla perfettamente la lingua arbereshe, ma in casa non si parla, perchè l’unico figlio che abita con lei, non sa parlare.Donna dal grande cuore e socievole.

L’Amministrazione Comunale ( presenti, il Sindaco, dott. Pepice, il vice-Sindaco, Pompa, il comandante di polizia municipale, M°M.Antonio Gremigna ed alcuni dipendenti comunali, i Carabinieri di Ripacandida ed alcuni vicini di casa) le ha donato una targa, un mazzo di rose e pasticcini. la famiglia Larossa ha ricambiato con l’assaggio di alcune torte. Commovente è stato il momento in cui zia Nunziata ha portato il mazzo di fiori alla Madonna di Costantinopoli, protettrice del paese, tanto venerata in questo centro arbereshe.Il Sindaco Pepice conosce molto bene questa anziana donna, abita a pochi metri: “ una donna a modo, fino ad oggi calza tacchi con diversi centimetri, senza problemi. Spesso mi chiamava per problemi biliari, che si risolveva subito con qualche calmante. Ha saputo portare avanti la famiglia senza accusare il peso dell’età”.