CONDIVIDI

Ginestra – Increscioso ed inqualificabile gesto successo lo scorso 17 agosto in largo San Nicola a due passi dalla chiesa di San Nicola Vescovo. Il parroco, don Severino, presidente del comitato festa patronale, aveva appoggiato su un tavolino ad una decina di metri dalla chiesa una busta contenente il contributo economico per la festa patronale da poco conclusa, ben 1000 euro. Il tempo di aprire la chiesa e preparare i paramenti per la santa messa e la busta, con l’intestazione Comune di Ginestra sparisce. Don Severino riferisce di questo gesto inqualificabile durante la santa messa di domenica 19 agosto: “ero indeciso se dirlo o no. Venerdì scorso è sparita una busta ricevuta dal Comune,contenente il contributo economico della festa patronale. L’avevo appoggiata su un tavolino di fronte la chiesa, dopo pochi minuti è sparita. Eppure persone non c’erano. Mi stupisce che l’autore di questo gesto non si sia bloccato nel vedere la busta con la dicitura comune di Ginestra. La busta conteneva anche documenti di una ragazza che si deve sposare il prossimo 29 settembre. I documenti si possono recuperare al Comune, ma i 1000 euro dati dal Comune penso proprio di no, pertanto mi auguro che l’autore di questo gesto ritorni indietro nei suoi passi”. Alla saputa, subito dopo la santa messa di questo “furto”, il Sindaco dott. Giuseppe Pepice ha riferito: “rimango costernato, a soffrire è l’intera comunità, questo contributo è di tutto il paese. Mi auguro che l’autore di questo ignobile gesto se ne ravveda”. In breve tempo la notizia ha fatto il giro del paese ed tutte le case non si fa altro che parlare di questo brutto gesto. Sembra che il parroco, se l’autore di questo gesto non si fa avanti, abbia confidato a qualcuno che il contributo del Comune sparito, lo farà uscire dal suo stipendio.
Lorenzo Zolfo