CONDIVIDI
Calcio Fabio Di Matteo
Fabio Di Matteo

Genzano di Lucania (Pz), 2014-03-18 – Sulla vicenda della partita di seconda categoria di domenica scorsa tra la capolista Alto Bradano-Savoia, interviene il bomber di Genzano, dell’Alto Bradano, Fabio Di Matteo: “ci tengo a precisare che il riportato clima di intimidazione e minacce riportato da alcune testate giornalistiche, come la Nuova del Sud,non corrisponde al vero,e sono pronto a giurarlo sui miei figli,perchè prima di essere giocatori siamo genitori. Tornando alla partita che e’ stata sospesa al 15′,e non al 20′,come riportato sul referto arbitrale,volevo dire cosa è successo: su una punizione a nostro favore nasceva un battibecco tra un nostro giocatore ed uno del Savoia,battibecco che in ogni partita se ne vedono a decine,prontamente sedato dall’arbitro con ammonizione per entrambi.

Il tutto avveniva sotto gli occhi delle forze dell’ordine,solo che il capitano del Savoia ha ben pensato di dire ai suoi di abbandonare il campo,sotto gli occhi increduli del direttore di gara e delle stesse forze dell’ordine. Finito tutto qui. Dopodiche’ non e’ successo piu nulla.Anzi, dirò di più, due giocatori del Savoia volevano continuare la partita,arrabbiandosi con i loro amici di squadra,per l’ordine dato. Di pugni,botte,calci ed altro sono state dette solo menzogne..niente di tutto cio’. E’ un peccato, perche’ la societa’ Alto Bradano e la citta’ di Genzano stanno facendo enormi sacrifici per portare a termine questo campionato.Genzano è un paese molto, ma molto civile,per quel poco di gente che ho conosciuto,e per come ci comportiamo tutte le domeniche quando scendiamo in campo. Tra l’altro,siamo anche primi in coppa disciplina”.