CONDIVIDI

Forenza – La conclusione dei lavori di recupero e restauro di alcuni tratti di frammenti di affresco medievale, rinvenuti casualmente presso la parete presbiteriale della chiesa di Santa Maria de’ Armenis  presso Forenza , ha costituito un’occasione proficua di collaborazione tra Enti e ha consentito di restituire alla comunità forenzese  un’inedita opera di particolare rilevanza artistica e storica.

Il Sindaco Francesco Mastrandrea  coglie l’occasione per ringraziare  la dott.ssa Silvia Padula, Funzionario predisposto all’Alta Sorveglianza della Soprintendenza dei Beni Storico Artistici  e  Demoetnoantropologici della Basilicata, la dott.ssa Marianna Musella, incaricata delle operazioni di restauro, nonché il Soprintendente  Dott.ssa Marta Ragozzino , l’architetto Francesco Cuccaro, direttore del Lavori  e l’ufficio tecnico comunale,  per la solerzia e l’attiva partecipazione.

Si ringrazia altresì la dott.ssa Isabella Marchetta per aver segnalato la presenza di tracce di intonaco dipinto.”Siamo particolarmente lieti-riferiscono il Sindaco Mastrandrea ed i tecnici della Soprintendenza- di aver contribuito fattivamente alla restituzione di un nuovo dato per la lettura del complesso palinsesto storico-artistico della nostra bellissima terra, per certi versi ancora lacunoso.

Ci proponiamo di operare affinché la piena conoscenza di questo inedito manufatto possa ricevere la giusta collocazione nel più ampio quadro delle politiche di promozione culturali della regione”.

Lorenzo Zolfo