Home Ernesto de Martino Biografia Frammenti di un lamento funebre

Frammenti di un lamento funebre

lamento funebre1Alcuni frammenti di un lamento di moglie a marito raccolto a Grottole. Mo sò rimaste cuntente: se pigghiassero na cianca e se la mangiassero. Frate mie,vuie esse pensate quanta fatia haie fatte chi sti mane.Sì muorte cu la fatia a li mane. Dò t ‘agghia venì a cchià? (Entra nella stanza compare Giovanni e altri comparie comari che vengono a rendere visita di condoglianza).Mo vene cumpà Giuannine nun t’adda venì chiù a chiamà a li tre pe scì a la macchia. Mò venene tutte,cummare e cumpare,senza ‘nvetate,frate mie. Lu complimente come l’agghia dà,ca non ce n’è?  Speriamo a Gesù Cristo cussu duvere ca te venene a ffa cummare e cumpare li vogghie renne di buone. E ci è muorte, frate mie?  E’ muorte Nicola. (Entra il prete:la lamentatrice si strappa i capelli e li getta nella bara) Frate mie,non t’agghia che te dice e che te dà,tine le capidde mie pè ricorde. (Prima della chiusura della bara i figli baciano il morto nella bara) Frate mie,l’ultime vase ca te donne li fili toie:và pià a Die pi lore,non te scurdà mai de li fili toie e de la sora toia. Famm’apri n’olda porta pè falle iranne. Chidde file anna sci sotto a li dispetti de l’olde:ci n’ave da nu scaffe e ci nu muffettone. (Entra zio Menico che accompagnò il defunto all’ospedale di Matera quando vi fu trasportato per essere sottoposto all’operazione letale) Frate mie,mò vene zi Meniche:quanne te purtò o’spedale come te vedisti frate mie sule sule senza la sora toia? Ci t’ha viste e ci t’ha date na stizza d’acqua almeno quanne stave sotto a chidde curtedde,sopa a chedda baredda,e t’adoperavano? (La bara è presa a spalle dai becchini.La lamentatrice prorompe im un gridato altissimo) Frate mie, frate mie, pindiddi li pide a la porta e nun te ne scì, frate mie. ( O marito mio,o marito mio buono e bello,quando ti penso,a unghia a unghia.Marito mio guarda come mi lasci in mezzo a una via con tre figli. Chi li deve far grandi questi figli,marito mio? Quante me ne hai fatte passare per amore degli altri,marito mio! Adesso son rimasti contenti:,si prendessero una coscia e se la mangiassero. Marito mio,vuoi essere ricordato per quanta fatica hai fatto con queste mani,sei morto con la fatica alle mani.Dove dovrò venirti a cercare?Ecco che viene compare Giovanni:non ti verrà più a chiamare alle tre del mattino per andare in campagna.Ecco che vengono tutti,comari e compari, senz’essre invitati, marito mio. Come offrire qualche cosa agli invitati che non c’è nulla? Speriamo in Gesù Cristo che questo dovere che ti vengono a rendere comari e compari io lo possa rendere in bene. E chi è morto, marito mio.E’ morto Nicola. Marito mio,non ho che dirti e che farti,prenditi i capelli miei per ricordo. Marito mio,l’ultimo bacio che ti danno i figli tuoi, prega Dio per loro, non ti dimenticare mai dei tuoi figli e della tua donna .Fammi aprire un’altra porta,fammi trovare un’altra strada , per farli grandi. Questi figli debbono andare sotto i dispetti degli altri,chi darà loro uno schiaffo e chi un manrovescio.Ecco che viene zio Menico, quando ti portò al\’ospedale come ti vedesti, marito mio, solo solo senza una goccia d ‘acqua quando stavi sotto a quel coltello, sopra a quella barella,e t’operavano? Marito mio,marito mio, punta i piedi contro la porta e non te ne andare,marito mio.) Il terzo vincolo tradizionale della lamentazione è dato dal tema melodico,cioè dalla linea melodica con cui ciascun versetto è cantilenato,e dalla strofa melodica nel suo complesso. Si consideri in via di esempio,il seguente lamento di Ferrandina,reso da sorella a fratello,che vale ad illustrare il nesso organico tra moduli letterari e moduli melodici. 1.O Ciccille mie, o belle 2.O frate,o frate 3.O Ciccille mie,o frate,o frate 4.Come vogghie fà,o belle 5.O frate mie,o frate mie 6.’O vogghie bè! 7.O frate,o frate,o frate,o frate. 8.Come \’o vuogghie bè,o frate,o frate 9.Mo te n’aie scì,o frate 10.Come agghia fa, o frate  11.O frate mie,o frate mie 12.O Ciccile mie,o frate,o frate 13.Come vogghie fa senza di te,o frate 14.Je me n’agghia sci,o frate 15.Agghia murì pur’ie,o frate16.O frate mie,o frate mie 17.O come vogghie fa,o frate mie 18.Vogghie murì pur’ie,o frate mie 19.O frate mie,o frate mie 20.O frate mie belle belle,o frate mie 21.O frate mie,o frate mie 22.Frate mìe. Il lamento lucano assolve una funzione risolutrice anche rispetto ad un altro aspetto della crisi del cordoglio ,cioè il ritorno irrelativo del morto come rappresentazione ossessiva o come immagine allucinatoria. Il folklore lucano è ancora oggi ricco,soprattutto tra le contadine,di continui richiami a questo terrificante ritorno del morto come spettro. Son cose che succedono a noi contadine,ci disse una volta con rassegnazione una informatrice di Roccanova. Particolarmente favorevoli all’insorgere di tali esperienze allucinatorie sono i momenti di stanchezza fisica,di prostazione per scarsezza di cibo,di garve disagio morale.Carminella Pugliese,contadina di Roccanovadi anni 68,detta in paese la sonnambula ci ha reso la seguente narrazione….

Da: Morte e pianto rituale nel mondo antico. di Ernesto De Martino editore Boringhieri