CONDIVIDI

Ginestra-Ripacandida – La Diocesi di Melfi-Rapolla,Venosa a conclusione dell’anno pastorale ha portato a termine il Meeting dei giovani con un pellegrinaggio a piedi,dal titolo “Sui passi di Francesco di Assisi”. Don Sandro Cerone  responsabile della pastorale giovanile e suor Rosa del Convento Francescano del Bambino Gesù di Ripacandida, insieme a giovani di Ginestra,Ripacandida, Rionero e Melfi (erano previsti inizialmente  circa 100 giovani) hanno percorso, sotto l’attenta vigilanza dei Carabinieri di Ripacandida e la protezione civile di Ginestra, questo tragitto di 3 km nella speranza di aprire il cuore al Signore ed ai suoi insegnamenti, così come ha fatto Francesco di Assisi. Dopo il raduno effettuato nei pressi del Municipio è stata visitata la chiesa madre di San Nicola Vescovo, dove è stato ammirato il maestoso mosaico bizantino del Cristo Pantocratore tra la Madonna di Costantinopoli, protettrice di Ginestra e San Nicola, patrono. E’ stata letta da Suor Rosa la preghiera di inizio di questo pellegrinaggio: “Tutta la vita di Francesco d’Assisi è stata una ricerca continua, incessante, appassionante di Dio. Vedere, amare, servire l’Altissimo e Sommo Iddio è stata la sua ispirazione più alta. Francesco si è lasciato penetrare dallo sguardo di Gesù ed ha capito che il Signore per lui era tutto”. Durante il percorso, nella prima tappa viene posto davanti al gruppo un pannello nero, esso sta a significare come Francesco, prima di incontrare il Signore, era chiuso in se stesso, imprigionato nell’oscurità che non gli permetteva di aprirsi al vero senso della vita. “Anche noi-riferisce Suor Rosa-tante volte siamo nell’oscurità, schiavi dei desideri:potere, vanagloria, ricchezza…non riusciamo a vedere, siamo ciechi”. Nella seconda tappa viene collocato davanti al gruppo un cartellone dove su uno sfondo nero appaiono sfumature di grigio e di colori…l’uomo è in cammino, quando è capace di distinguere tra i desideri quello che Dio gli ha messo nel cuore:il desiderio di Lui…”Così è stato per Francesco-ha aggiunto suor rosa- nel cammino di ricerca si riconosce creatura e comincia a passare dalle tenebre alla vera luce”.  Una santa messa celebrata da don Sandro ( “in questo pellegrinaggio, il Signore non ci ha lasciati mai soli, ci ha accompagnati con la preghiera ad ogni passo”)nel Santuario di San Donato (gemellato con la Basilica Superiore di Assisi dal 2004) ha concluso questo cammino di fede.

Lorenzo Zolfo