Visualizzazione ingrandita della mappa

Valsinni è un comune italiano di 1.677 abitanti della provincia di Matera in Basilicata. Il nome è relativamente recente; infatti fino al 1873 si chiamava Favale. Quest’ultimo nome significherebbe terra ricca di sorgenti.Valsinni si trova ad un’altitudine di 250 m s.l.m., nella parte sud-occidentale della provincia al confine con la parte sud-orientale della provincia di Potenza e con la parte parte nord-orientale della provincia di Cosenza, su un’altura che domina la valle del Sinni, il cui corso proprio nel tratto a valle dell’abitato procede incassato tra suggestive rupi. Lo scorrere del fiume, che in passato caratterizzava con il suo rumore pacato e continuo il paesaggio del piccolo centro, è dal 1985 fortemente diminuito perché le acque del fiume sono imbrigliate dalla diga di Monte Cotugno, che rifornisce di acqua buona parte della provincia di Matera e della Puglia. Confina a nord con il comune di Colobraro (7 km), ad est con Rotondella (14 km) e Nova Siri (15 km), a sud con il comune calabrese di Nocara (CS) (15 km), e ad ovest con San Giorgio Lucano (16 km) e Noepoli (PZ) (18 km). Dista 79 km da Matera e 124 km da Potenza. Alle spalle del centro abitato si erge il monte Coppolo, sulla sommità del quale si trova anche un’importante area archeologica, ed è inserito nel territorio del Parco nazionale del Pollino. Fa parte della Comunità Montana Basso Sinni. Il luogo dove sorge Valsinni è uno tra quelli ritenuti più probabili come luogo dove sorgeva l’antica città della Magna Grecia Lagaria. Il paese è comunque menzionato a partire dall’XI secolo con il nome di Favale, appartenne in feudo ai Sanseverino, ai Vivacqua di Oriolo, ai Capaccio, ai Galeota, ai Morra. Nel 1528 il feudo di Gian Michele Morra, padre della poetessa Isabella Morra, passò sotto la Corona di Spagna in seguito alla sconfitta delle truppe di Francesco I di Francia nei confronti di Carlo V, ed il Morra, che appoggiava il re francese, fu costretto ad emigrare a Parigi insieme a suo figlio Scipione. Sua moglie e gli altri figli, tra cui Isabella molto legata al padre, invece restarono a Favale, nel castello che ancora oggi domina la parte antica del borgo. Così l’antica Favale fu teatro della tragica storia di Isabella Morra, giovane ed illustre poetessa petrarchista uccisa dai fratelli a soli 26 anni dopo che questi ultimi scoprirono la sua relazione epistolare con il poeta spagnolo Diego Sandoval de Castro, barone di Bollita.

Amministrazione Comunale 0835-818038
Pro Loco 0835-817051