CONDIVIDI

Nel secondo week-end di programmazione, esce su scala nazionale “Mi rifaccio il trullo”, secondo film di Uccio De Santis, una commedia romantica a tinte di giallo, ambientata in Puglia, che sta piacendo molto al pubblico.Dopo il primo soddisfacente week-end come film più visto in Puglia, conquista le grandi città italiane aggiungendo alla programmazione confermatain Puglia, Basilicata ed Abruzzo anche otto sale a Milano (due), Torino, Roma, Napoli, Prato, Rimini, Macerata (a Tolentino).

uccioQuesto incremento di schermi è un riconoscimento meritato e tanto atteso. “Stiamo continuando a lavorare per promuovere il film – spiega il produttore Mimmo Cavallo – ed è già una grande soddisfazione essere riusciti nel secondo week-end ad arrivare in tutta Italia poiché per un film indipendente è una grande conquista. Non ci fermiamo, gli spettatori ci chiedono il film anche dove non è uscito e speriamo di poterli accontentare. Ho sempre creduto in questo progetto e sono ripagato da questo risultato importante”. Dello stesso tenore il commento di Uccio De Santis: “Siamo veramente soddisfatti del riscontro del pubblico e dei giudizi positivi dei critici cinematografici. Adesso abbiamo l’acceleratore pigiato. In tutte le sale in cui i fans ci attendono, abbiamo sempre una bella accoglienza ed è molto gratificante sapere che il film sta piacendo, che c’è un bel passaparola e che la storia appassiona sino alla fine”. La divertente storia trae spunto da un fenomeno reale: in Puglia i trulli vengono rubati; spariscono letteralmente, smontati pezzo per pezzo, pietra per pietra, anche del cono che li sormonta, per essere poi “piazzati” in ville sontuose in altre parti d’Italia e d’Europa.Uccio De Santis interpreta Michele Modugno, un muratore pugliese con l’hobby della musica, che ospita Giada (Lorena Cacciatore), una turista milanese che arriva in Puglia per soggiornare in un trullo.

Sorprese, colpi di scena, un intrigo internazionale ed un amore contrastato… e soprattutto risate e sorrisi. Dopo il furto del trullo,la convivenza “forzata” creerà scintille. Dietro la macchina da presa il materano Vito Cea. Testo scritto a quattro mani da Antonio De Santis e Silvio Donà. La fotografia è stata affidata alla direzione sicura di Blasco Giurato (“Nuovo Cinema Paradiso”, ecc.)che fa rivivere le atmosfere calde ed intense di una Puglia che non è soltanto una cartolina, è un luogo di emozioni e bellezza ed è fulcro della narrazione.Il nucleo prevalente del film è stato girato proprio nella zona della Valle d’Itria: Fasano (frazione di Montalbano), Cisternino, in altre località della provincia di Brindisi e delle vicine province di Bari e di Taranto.

Il primo ciak è stato battuto a Venosa, in Basilicata. Prodotto dal lucano Mimmo Cavallo per la Adriatica Film, con il supporto logistico di Apulia Film Commission, il film vede nel cast anchePietro Genuardi, Stefano Masciarelli, Umberto Sardella, Antonella Genga, Gianni Ciardo, Tiziana Schiavarelli, Claudio Insegno, Beppe Convertini, Giustina Bonomo, Franco Paltera, Brando Rossi, Giacinto Lucariello, Luigia Caringella, Pino Fusco. Il film è distribuito da Class Cinematografica srl di Bari.E’ molto positivo anche il riscontro per la colonna sonora. Le musiche originali,edite dalla Stranamente Music, sono scritte da promettenti autori pugliesi, quali Fabio Barnaba, Daniela Desideri, Giuseppe Di Gioia, e dallo stesso Uccio De Santis.

2 COMMENTI

Comments are closed.