CONDIVIDI

Cambio della guardia in seno al Centro Sportivo Italiano di Melfi; le società affiliate allo storico comitato melfitano dell’importante organizzazione nazionale di promozione sportiva hanno decretato nei giorni scorsi il nuovo consiglio che guiderà la sezione zonale del melfese per il prossimo quadriennio. Alla storica figura del professor Felice D’Urso, anima per quasi sessant’anni del comitato di Melfi e dell’intero CSI regionale, nelle vesti di presidente subentra Aldo Cilenti, ex geometra del Comune di Melfi, storico arbitro di calcio CSI e figura attiva da decenni nella sezione di Melfi, di recente insignito del Discobolo al merito. Sarà un compito impegnativo ma allo stesso tempo gratificante quello a cui le 20 società affiliate, con oltre 650 tesserati, hanno chiamato Aldo Cilenti, che continuerà quanto di buono realizzato negli anni passati, al fine di promuove lo sport come momento di aggregazione sociale, di educazione, crescita e impegno, ispirandosi, come dai principi del CSI, ai valori umani e cristiani nel servizio alle persone di tutte le fasce di età. Per fare tutto ciò attorno ad Aldo Cilenti si è costituita una squadra di elementi validi, composta da figure esperte che da anni gravitano nel mondo CSI, a cui si sono aggiunti volti nuovi e giovani, per sancire quasi una sorta di ricambio generazionale, ma nell’accezione più positiva del termine; del resto l’uscente presidente Felice D’Urso resterà sempre vicino al “suo” comitato e sarà un ausilio utilissimo per le iniziative che il nuovo consiglio a breve intraprenderà. Otto sono i consiglieri eletti che affiancheranno il presidente Aldo Cilenti, i cui nomi sono Antonio Branda, Mario D’Errico, Roberto Giallella, Gerardo Martino, Giuseppe Martino, Lorenzo Morano, Lino Savino e Nazzareno Sportella, che saranno sempre supportati dalla collaborazione di altri tesserati, inseriti nelle varie commissioni che caratterizzano il CSI.
Si è pertanto composta la nuova presidenza che vede due vice, ossia Roberto Giallella e Nazzareno Sportella, quest’ultimo nelle vesti di vicario; a ricoprire il ruolo di consulente ecclesiastico ci penserà sempre il giovane Don Tommaso Garzia. L’incarico di consigliere di presidenza è stato affidato a Giuseppe Martino, mentre il tesseramento sarà curato da Gerardo Martino, la segreteria sarà seguita da Davide Calabrese e l’amministrazione affidata alle esperte mani di Salvatore Cordisco. Il coordinamento delle attività sportive è stato delegato a Lino Savino, mentre quello della formazione a Lorenzo Morano. Revisore dei conti Giampiero Tetta, coadiuvato da Gianvito Lamorte e Pierluigi Vitucci.
Questo il team che guiderà il CSI di Melfi, team che opererà nella sezione di Via Gabriele D’Annunzio e che sarà aperta sia materialmente, sia metaforicamente parlando a chiunque volesse collaborare e volesse pertanto avvicinarsi, o solamente conoscere questa importantissima realtà ultracentenaria, che vanta credenziali degne di nota, essendo riconosciuta dal CONI quale Ente di Promozione sportiva e dallo Stato Italiano come Ente con Finalità Assistenziali, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali quale Associazione di Promozione Sociale e dal Ministero dell’ Università e della Ricerca quale soggetto accreditato per la Formazione del personale della scuola ed ente qualificato per attività di Formazione.
Ma non sono solo queste le credenziali del CSI che risulta essere anche riconosciuto dalla Conferenza Episcopale Italiana (C.E.I.), fa parte della Consulta Nazionale delle Aggregazioni Laicali e rappresenta l’Italia in seno alla Fèdèration Internationale Catholique d’Education Physique et Sportive (F.I.C.E.P.).
Lorenzo Zolfo
La foto ritrae il nuovo presidente del CSI di Melfi, Aldo Cilenti (quello ripreso a destra).