CONDIVIDI

Cattolica – Rapina e aggressione ai danni di una ristoratrice di Cattolica. In manette il cuoco che ha lavorato nel locale estivo della donna e un complice. Arrestati dai carabinieri di Riccione un 21enne con vicende penali alle spalle (N.A. le iniziali) e un 37enne (D.C.), il cuoco stagionale, entrambi originari di Potenza. Il fermo è stato convalidato ieri mattina in tribunale a Rimini. Martedì scorso, alle sette di mattina per la precisione, la ristoratrice, 64 enne di Cattolica, stava aprendo il ristorante quando è stata spintonata e scaraventata a terra da un giovane con indosso una felpa a righe. Il rapinatore è poi fuggito con la borsetta della donna. Dentro c’erano 10.000 euro in contanti che, come poi ha dichiarato la ristoratrice, sarebbero serviti a pagare alcuni fornitori. La donna, che ha riportato la frattura di una vertebra, è stata portata al pronto soccorso dove è stata poi dimessa con 30 giorni di prognosi. E’ stata la ristoratrice a fornire le informazioni utili alla cattura dei due. Ai carabinieri ha raccontato ad esempio dei problemi economici del cuoco che, durante il periodo lavorativo, aveva chiesto più anticipi di stipendio. I carabinieri hanno rintracciato i due in una pensione di Cattolica dove, nella stanza in cui alloggiavano, sono stati trovati 8.600 euro e la felpa col cappuccio usata per la rapina, eseguita materialmente dal 21enne su indicazioni del cuoco. Era questo infatti a conoscere le abitudini della titolare e i giorni in cui la donna poteva avere più contanti in borsa. I rapinatori infine hanno raccontato di aver speso 1.400 euro, soldi mancanti dal bottino, in scarpe, profumi e cena al ristorante. Fonte: http://www.nqnews.it