CONDIVIDI

COLONIA- Con un ottimo secondo posto si è concluso il cammino estero dell’”ASD Ti Prego Dai” al trofeo “Rheintal Trophy” di Colonia Germania. Torneo organizzato dalla società EURO – SPORTING, promotrice di altri tornei di calcio in giro per l’Europa.  24 squadre provenienti da Olanda,Germania,Francia ed Italia si sono date battaglia lo scorso 26 e 27 maggio. Per i ragazzi della “Ti Prego Dai” si tratta della settima apparizione in un torneo Continentale, infatti negli anni precedenti sono stati calcati i campi di Rimini (Italia), Barcellona (Spagna), Anversa (Belgio), Praga (Rep.Ceca), Berlino, Monaco di Baviera e Colonia (Germania). Per la società nata nella limitrofa Spinazzola e composta da un gruppetto di ragazzi del posto e un gruppetto di ragazzi dall’Emilia Romagna quest’anno c’era un peso in più sulle spalle, essere l’unica rappresentante italiana nella manifestazione tedesca.La formazione era composta: tra i pali Quero, in difesa Liuzzi, Pinto, Minervino (Sporting Palazzo), Daniele; a centrocampo Caruso,Bavaro,Pisicchio e Cristodaro e il tandem d’attacco composto dai gemelli del Gol  Mimmo e Carulli (ex Palazzo Calcio); Il tutto orchestrato dall’ottimo Mister Di Tria (vecchia conoscenza del calcio lucano), nella doppia veste allenatore/giocatore. Mancavano all’appello i fratelli Di Corato (ben noti al calcio lucano) e proprio la loro assenza non lasciava intendere nulla di buono. Ma come il calcio insegna, nulla è scontato,  e dopo una esordio poco brillante nel girone di qualificazione, si sono susseguite prestazioni eccellenti arrivando terzi su sei nel proprio girone (passavano le prime quattro), arrivando in finale e segnando il passo al solo Paris Saint German (quinta squadra della società Parigina) per 4a1, piazzandosi ad un secondo posto che sa di vittoria. Si tratta di un piazzamento storico per la società bianco-rossa che fa della passione per il calcio e la voglia di confrontarsi e mettersi in discussione il punto di riferimento delle proprie avventure. Appuntamento al prossimo torneo.

Lorenzo Zolfo