CONDIVIDI

Ripacandida San Donato chiesa e statuaRipacandida, 2013-08-08 – Proseguono le attività dell’associazione delle citta di S.Donato, presieduta da Antonio Lettieri di Ripacandida,che il giorno 10 agosto 2013 si ritroveranno tutte nella splendida cittadina di Biccari (Fg), per venerare il santo di Arezzo protettore e patrono delle comunità che hanno come santo protettore, San Donato,oltre che al consueto incontro coi rappresentanti ecclesiastici, i produttori artigianali e commerciali, in questo giorno saranno rinnovate le cariche sociali dell’associazione. I Comuni che aderiscono a questa associazione sono Ripacandida ed Anzi per la Basilicata; Biccari (Fg), Montesano Salentino e San Donato di Lecce (Le) in Puglia, San Donato di Ninea (Cs) e Umbriatco (Kr) in Calabria, San Donato di Val di Comino (Fr) e Pago Veiano (Bn). Anche la città di Arezzo, città dove sono custodite le spoglie del santo martire e vescovo, fa parte di questa associazione Questi Comuni si ritroveranno il 10 agosto a Biccari con i propri rappresentanti istituzionali e religiosi, con il gonfalone del proprio Comune ed i tanti fedeli di San Donato.

S. Donato, protettore di Biccari, si venera e si invoca in special modo da coloro che soffrono di mal caduco, cioè dell’epilessia. Nel 1527 un biccarese di casa Versillo che militava nell’esercito del Contestabile di Borbone, trovandosi al famoso sacco di Roma, entrò nella catacomba e tra le ossa dei santi martiri prese l’osso del braccio di S. Donato, vescovo di Arezzo.

Non appena giunse a Biccari con questa preziosa reliquia se ne chiese il possesso al papa Clemente VII che si compiacque di accordarlo con lettera autentica. Nell’intero anno 1837 a causa della peste bubbonica a Biccari, morirono ben 498 persone (su una popolazione di circa 5000 abitanti) e che nel solo mese di luglio, di quello stesso anno, ne morirono 330; si racconta che, appena iniziò la novena in onore di san Donato (28 luglio/5 agosto) si verificò una improvvisa guarigione dal male, per cui i morti per peste scesero drasticamente dalle 330, del mese di luglio, a 35, nel mese di agosto (normale media mensile di quel periodo dati questi incontrovertibili perché riportati negli atti ufficiali dello stato civile del Comune). Tale guarigione, così pentina, fu attribuita all’intervento di san Donato, patrono di Biccari i cui festeggiamenti ricorrono il 6 – 7 – 8 agosto di ogni anno.

Lorenzo Zolfo