CONDIVIDI

“I dati dell’Istat sull’occupazione sono allarmanti, và chiesto al Governo regionale di attuare tutte le urgenti misure per salvare la Basilicata e dare veramente speranza ai tanti giovani compresi tra i 15 e i 24 anni. Nella regione si registra un tasso di disoccupazione più contenuto rispetto al resto del Mezzogiorno solo per effetto della crescente sfiducia nei giovani ad iscriversi ai Centri per l’Impiego, le donne tra le quali il tasso tocca un massimo di percentuale negativo e gli over 45enni espulsi dalle aziende in crisi con la quasi impossibilità a ritrovare il lavoro”.
E’ quanto sostiene il segretario regionale dell’UGL Basilicata metalmeccanici, Giuseppe Giordano per il quale, “sono dati alquanto preoccupanti, necessitano misure attive e investimenti per il lavoro con politiche industriali e investimenti produttivi. Va data una svolta, sforzarci tutti, non solo le oltre innumerevoli discussioni, ancora su come affrontare le tante situazioni che stanno in via di deterioramento sulla mancata soluzioni delle crisi aziendali e il riutilizzo delle ingenti risorse umane e materiali presenti nel territorio. I nuovi dati sulla disoccupazione lucana inevitabilmente chiamano in causa le aspettative deluse legate agli interventi di sostegno al reddito, al lavoro, compreso il reddito minimo garantito. Non c’e’ molto da perdere – prosegue Giordano – anche in rapporto al tempo che condiziona ancora di più la già pesante situazione. Necessita mettere in campo delle modalità per sollecitare un dialogo che conduca a miglioramenti della produttività nelle imprese, nell’ambito di un quadro predisposto dalla governance regionale con opportune misure per la crescita e non fare solo enunciazioni. Dobbiamo obbligatoriamente unitariamente sederci ad un tavolo istituzionale – conclude il segretario UGLM, Giordano -, la regione vive la stagnazione del mercato del lavoro ch’è divenuta una grave preoccupazione non solo per le sofferenze causate ma perché questi elevati livelli di disoccupazione che si registrano nel nostro territorio e nel mezzogiorno possono causare danni strutturali all’economia, per risolvere i quali ci vorrebbero anni”.

Ufficio stampa UGL Basilicata
Potenza, 02 settembre 2012.

Ufficio Stampa UGL Basilicata
tel.3339936968