CONDIVIDI

Potenza – Presentato a Potenza e Pisticci l’ultimo dossier  “Comuni Ricicloni 2015″ redatto dall’Eco-Point di Legambiente Basilicata Onlus che ogni anno fotografa lo stato dell’arte della raccolta differenziata e delle buone pratiche di gestione dei rifiuti in Basilicata. Sono undici i Comuni Ricicloni lucani che conquistano l’ambito riconoscimento per avere superato la soglia del 65% prevista dalla legge per l’anno 2014. Le amministrazioni comunali di  Banzi, Abriola, Pignola, Montemilone, Acerenza, Genzano di Lucania, Pietragalla, Palazzo San Gervasio, Forenza, Cancellara e Tito sono state le più performanti, avendo contribuito alla crescita del dato regionale (sempre purtoppo molto basso) relativo alla raccolta differenziata che ha raggiunto nel 2014 il 27,6%, con la provincia di Potenza che ha sfiorato il 31,9% e quella di Matera circa il 20,9%.

ricicloniAlcune amministrazioni comunali pur non trovandosi ai primi posti della classifica dei comuni più virtuosi hanno comunque  avuto una menzione speciale per l’impegno profuso. I comuni di Satriano di Lucania, Brienza  e Maratea  hanno, infatti, ricevuto il premio “Start up “, premio assegnato per aver avviato nei propri territori un sistema di raccolta differenziata domiciliare spinto, l’unico in grado di ottenere risultati eccellenti in tempi molto brevi sia in termini di raccolta differenziata, sia in termini di recupero dei materiali.

I comuni di Policoro, Pisticci e Nova Siri hanno, invece, ottenuto il riconoscimento “Emergenti nell’emergenza”. In piena emergenza per il collasso dell’unico impianto di smaltimento ancora attivo nella provincia hanno deciso di superare  la crisi attuando una raccolta differenziata porta a porta che gli hanno permesso di fare a meno della discarica.

Al Comune di Tito che ha implementato il sistema di raccolta differenziata, ottimizzando i giorni e le modalità di raccolta è andata la menzione speciale “buona pratica” assegnata da Legambiente Eurosintex.

Ai comuni di San Chirico Nuovo e Tolve è andata invece la menzione “Teniamoli d’occhio” che vuol essere servire da incentivo a questi comuni che per il 2014, anno di riferimento di questa edizione fanno registrare percentuali di poco inferiori al 65%, ma che centrano tale risultato per il 2015.

In attesa del prossimo rapporto  che tra un anno mostrerà la situazione relativa al 2015 auspichiamo che sempre più amministrazioni locali, anche grazie al supporto dell‘Eco-Point di Legambiente Basilicata, possano incrementare le proprie percentuali di raccolta differenziata ed attuare quelle buone pratiche per migliorare la gestione dei rifiuti.