CONDIVIDI

Barile – Siamo alle solite, il caldo opprimente di questi giorni, sta distruggendo tanta vegetazionenel vulture-melfese, che agli occhi dei visitatori sembra terra bruciata. Gli addetti al lavoro non riescono a fronteggiare i tanti focolai di incendi che si svuluppano in ogni parte della zona. Qualcosa non va. Chi provoca questi incendi, chi sono le unità di pronto intervento? Sono le domande ricorrenti che si fanno i tanti utenti della strada che si trovano all’improvviso in mezzo al fumo ed al fuoco. Come è successo nel tardi pomeriggio dello scorso 21 luglio sulla superstrada Melfi-Potenza nei pressi dello svincolo per Barile, in prossimità del lungo viadotto, all’improvviso la visibilità si è ridotta notevolmente perché nella zona sottostante l’abitato di Barile, contrada Scescio, si era sviluppato un vasto incendio ed il vento trasportava tanto fumo sulla superstrada. In quel momento sopaggiungeva dalla superstrada anche la macchina che stava portando l’artista Renzo Arbore ad Atella che doveva prendere parte alla presentazione del progetto:musica e solidrietà, concerto di beneficenza  che si doveva tenere in serata. La macchina, a causa della ridottissima velocità, ha subito una sbandata senza gravi conseguenze e probabilmente non ha subito danni maggiori perché era preceduta da una macchina della polizia stradale, che faceva da accompagnatore.  Anche l’autista dell’autovettura che seguiva l’artista Arbore, Santo, organizzatore di spettacoli La De Ma di Avigliano, ha preso tanto spavento. Di questi incendi non se ne può più….per fortuna che per tre giorni il tempo cambierà e gli autori di questi incendi, che non si sviluppano improvvisamente, possono andare in…ferie.

Lorenzo Zolfo La foto ritrae l’autovettura che sta accomapgnando l’artista renzo Arbore sulla superstrada Melfi-Potenza, interessata da un incendio.