CONDIVIDI

Barile – Nei giorni scorsi nel centro arbereshe è stata festeggiata Maria Belluscio, insegnante della scuola primaria “Giovanni XXIII”, dopo 40 anni di insegnamento appassionato e lodevolissimo.  Tra l’altro, ha coordinato per quasi due lustri il Progetto Ministeriale”Eth.Nos”, di recupero, rafforzamento e tutela della lingua arbereshe, ospitando, fra gli altri, il celebre scrittore Carmine ABATE, giunto 1° nella cinquina del Premio Letterario Nazionale Campiello a Venezia.Ne hanno testimoniato impegno e dedizione il dirigente scolastico, prof.ssa Tania Lacriola, l’Amministrazione Comunale, Emilio D’Andrea, Raffaella Palermo, Donato M. Mazzeo. Per l’occasione è stato proiettato ed offerto alle Famiglie (Presidente C.I. Michele Rella) ed ai cultori del settore, un DVD di sintesi didattica. Targa e regali dalla Dirigente Scolastica Tania Lacriola, dagli allievi e famiglie . Maria Belluscio da sempre si è battuta per la difesa ed il rafforzamento delle lingue regionali o minoritarie nei vari Paesi e nelle numerose regioni d’Europa, in quanto rappresentano un contributo importante ed inalienabile all’ edificazione di un’Europa basata sui principi di democrazia e di diversità etnica e culturale. Negli ultimi anni di insegnamento ha realizzato un blog nella scuola con l’’obiettivo principale  di convogliare in aree tematiche (scienze, storia, letteratura, arte, ecc…) tutto quello che la scuola produce e che fin ora è stato tenuto nel cassetto. Si riferiva ai lavori delle classi, stampati e mai consultati, alle indagini statistiche, alle ricerche sul territorio , alle relazioni sulle visite guidate ed uscite didattiche, alle innumerevoli esperienze che ogni classe svolge nel suo percorso didattico, agli spettacoli musicali, al teatro, ai laboratori artistici e linguistici, alle nuove tecnologie. Il tutto per migliorare il lavoro degli insegnanti e l’apprendimento degli alunni.

Lorenzo Zolfo