CONDIVIDI
il canto degli asinelli
“Il Canto degli Asinelli” di Rocco Messina

Barile, 2013-07-27 – Metti una piacevolissima sera di luglio, lo spettacolare roof garden del Palazzo Frusci sui tetti di Barile, metti autore, protagonisti e produttori del Cortometraggio il “Canto degli Asinelli” scritto, diretto ed interpretato da quel talentuoso regista lucano che è Rocco Messina e metti che la serata è magistralmente condotta e moderata da Daniele Bracuto e Anna Botte della locale Proloco di Barile e del “Secret Cineforum”, ed ecco gli ingredienti per regalare ai presenti, circa due ore, fra proiezione e dibattito con i protagonisti, interessanti spunti di come una produzione cinematografica, nel caso specifico Comune di Vaglio Basilicata, può essere volano di promozione del territorio e non solo. Ma questo Barile già lo sa, essendo nei luoghi del Vangelo secondo Matteo di Pasolini e quindi antesignana in questi ragionamenti. Il tema contenuto nel corto è un tema forte ovvero quello della precarietà nel mondo del lavoro.

Questi sei scalmanati, interpretati dai “Contafatti Vagliesi”, che pur di “lavorare” sono disposti a prestazioni impensabili nella realtà. Paradossale nei contenuti ed efficace nel messaggio,Il Canto degli Asinelli presentato nella serata di mercoledì scorso per “Secret Cineforum” sul “Roof Garden” della Pro Loco di Barile, ha consentito di entrare nella profondità del tema secondo l’interpretazione di Rocco Messina che fra l’altro ha testimoniato sull’essere artista in Basilicata e, quell’essere autore e regista di tante produzioni con la mentalità e l’approccio operaio, laddove organizzazione, determinazione e perseveranza premiano sempre. Interessante anche l’intervento di Domenico Romaniello Direttore del Gal Alto Basento, presente alla serata, il quale ha testimoniato e confermato sulle potenzialità e opportunità di promozione del territorio attraverso il sostegno alla produzione e distribuzione di tali iniziative.

Anche l’Amministrazione Comunale era presente con la Consigliera Laura Sigillito. Di tutto rispetto il cast artistico del film dallo stesso Messina ad Umberto Sardella passando per Laura Valente (ex Matia Bazar), lucana d’adozione essendo la moglie di Pino Mango a Maria Bombino, Sonia Topazio e Lucia Lanzolla oltre che Gennaro Califano. Notevole la fotografia curata da Vincenzo Buono e le scenografie di Gerardo Viggiano. Sopra tutti i Contafatti Vagliesi, questi appassionati attori amatoriali dalla disarmante semplicità che riescono sempre ad emozionare. Insomma proprio una interessante e bella sera d’estate dedicata alla Basilicata dei talenti.

Lorenzo Zolfo