CONDIVIDI

Barile – La più antica rappresentazione della Via Crucis con personaggi viventi della Basilicata, quella di Barile, vita da migliaia di persone, alcuni provenienti anche da fuori regione, ha compiuto 400 anni. Quest’anno, nel mese di settembre a cura del Comitato Sacra Rappresentazione della Passione di Cristo, presieduto da Angioletta D’Andrea e del Comitato Europassion, il cui segretario è il dott. Gianluca Paternoster di Barile, si prevedono manifestazioni al riguardo. Allapresenza di autorità locali, in primis il Sindaco dott. Giuseppe Mecca, provinciali, il presidente Giunta Provinciale, Piero Lacorazza e del Consiglio, Palmiro Sacco, i consiglieri provinciali, Murano, e Sperduto e del Sottosegretario di Stato, Gianpaolo D’Andrea, per 4 ore oltre 100 personaggi hanno sfilato per le vie principali del paese. Commoventi, oltre le tre cadute del Cristo, l’incontro tra la Madonna ed il Cristo in piazza dello Steccato, impedito, come vuole la tradizione, da due soldati romani. Il Sottosegretario del Governo Monti, D’Andrea ha detto: “ il valore di questo evento sta nella sua continuità nel tempo che riesce a scandire una cultura ed una tradizione tramandata da 400 anni anche a persone che avevano problema di lettura diretta della Bibbia” A vedere La Via Crucis anche il primo Cristo a volto scoperto del 1958, Romeo Vittorio per anni residente in Svizzera a Basilea e tornato a Barile per vedere in chiave moderna questa manifestazione. Da San Donato di Lecce è giunto un gruppo di cinque persone, Donatella, Mario, Giuliana, Giuseppe ed Anna, invitati da un amico di Barile,Antonio Travierso, dopo il primo passaggio nelle viuzze del paese, hanno riferito: “ un evento toccante e ben organizzato, non è una cosa semplice organizzare manifestazioni di questo genere. Molti personaggi erano perfettamente entrati nel ruolo”. Da Avigliano presente un ex allievo del collegio Padre Minozzi, Michele Tummolo con la moglie, la Via Crucis l’ha visto tante volte, ma mai per intero. DaIrsina, Silvano Giacomo, invitato dal presidente della pro-loco di Barile, Daniele Bracuto: “ sono stato l’anno scorso, sono ritornato per immortalare quello che non ho visto nel passato. Barile si presta benissimo per questo evento, è meno dispersivo degli altri”. Da Bari Roberto Nicola ha riferito: “un contesto urbano magnifico che si addice ad una manifestazione religiosa di questo genere”. La prof.ssa Raffaella Allamprese da Foggia ha sostenuto: “questa manifestazione colpisce per la tipologia cristallizzata dei figuranti e l’assenza di trasformazione che conferisce un valore di fissità e di passionalità all’evento”. Stefano Perucchini dalla provincia di Verbania è stato colpito dall’incontro della Madonna con Gesù: “un momento impregnato di intensa commozione. ”Il parroco don Tommy ha ringraziato le autorità civili, militari, la protezione civile e la croce rossa e rivolto ai personaggi ha detto: “ oltre alla stanchezza, portate nel cuore i benefici spirituali”. A riprendere l’evento in diretta Rai 3 Basilicata ed una troupe del Consiglio Regionale, un nuovo format, Basilicatalive da poco costituito, i destinatari saranno i tanti lucani sparsi nel mondo.
Lorenzo Zolfo

La settimana Santa in Basilicata

[nggallery id=17]