CONDIVIDI

Barile raccolte derrate alimentariBarile, 2012-12-23 – L’Associazione di Promozione Sociale C.E.R. di Barile, presieduta da Piacentini, rende noto che dall’agosto del 2012 è impossibilitata ad effettuare le distribuzioni alimentari gratuite con cui negli ultimi due anni ha regolarmente aiutato circa 1500 persone bisognose in tutti i Comuni del Vulture-melfese. Una notizia da far venire la pelle d’oca a chi la legge, proprio in questo periodo di Natale, dove si parla tanto di solidarietà ed altruismo! L’interruzione di questa attività, svolta a titolo completamente gratuito dai membri dell’associazione e da altri volontari, è stata determinata dalla mancanza di un locale idoneo; il precedente magazzino è  stato destinato ad altri usi dall’amministrazione proprietaria e l’Associazione C.E.R. è stata costretta a mettersi in cerca di un altro sito utile a fungere da magazzino e da centro di distribuzione. Su questa situazione, alquanto paradossale, il presidente di questa associazione, Piacentini riferisce: “Fino ad oggi, seppure a fatica, siamo riusciti a sostenere tutte le altre spese che l’iniziativa comporta, basti pensare al ritiro degli alimenti dal centro di distribuzione di Caserta, al trasporto degli stessi nel (ormai ex) magazzino a nostra disposizione, allo stoccaggio e alla conservazione, nonché alle distribuzioni vere e proprie…

Aggiungere a queste anche l’oneroso fitto mensile di un magazzino idoneo non sarebbe sostenibile per le nostre modeste casse. In questi mesi abbiamo contattato a più riprese le Amministrazioni dei Comuni limitrofi chiedendo di aiutarci in maniera tempestiva e concreta, mettendo a nostra disposizione uno tra i locali di proprietà comunale. Speravamo almeno di riuscire a regalare a tante persone un Natale un po’ più sereno, ma ad oggi purtroppo non abbiamo ottenuto risultati soddisfacenti e ci vediamo quindi, di nuovo, costretti a chiedere aiuto a tutti coloro (cittadini, amministratori, operatori sociali, etc.) che abbiano nel cuore il desiderio di vedere questa iniziativa di solidarietà continuare anche nel 2013. Il nostro appello è semplice: aiutateci a trovare un locale idoneo per immagazzinare e distribuire il cibo ai nostri assistiti, segnalate questa richiesta agli amministratori comunali di vostra conoscenza e a tutte le persone che ritenete possano aiutarci a risolvere questo problema… la nostra associazione e più di mille assistiti ve ne saranno grati”!

Lorenzo Zolfo

La foto ritrae un mezzo pieno di derrate alimentari