CONDIVIDI
gruppo folk aviglianese
gruppo folk aviglianese

Avigliano, 2013-08-31 – Ancora una volta un successo ha riscosso la XVII edizione Sagra del Baccalà, dal 24 al 26 agosto, una manifestazione che vuole custodire e tramandare quello che è diventato un vero e proprio patrimonio culturale. Oltre ventimila presenze ad un evento ormai diventato simbolo per l’intera Basilicata. Tra le autorità presenti, oltre al Sindaco Vito Summa, che ha fatto gli onori di casa, il Sindaco di Potenza Vito Santarsiero, l’assessore regionale alle attività produttive Marcello Pittella, l’assessore regionale alla sanità Attilio Martorano, il parlamentare lucano Vincenzo Folino, i consiglieri regionali Gianni Rosa e Giannino Romaniello e altri esponenti della politica lucano. Inoltre, la presenza del presidente della Confcommercio di Potenza, Fausto De Mare, in queste tre giornate di promozione del commercio e dell’artigianato aviglianese, ha rimarcato: “questo tipo di manifestazione, oltre a conservare il patrimonio storico, culturale e sociale di una comunità, può fare da volano per il Commercio locale.

Da questa crisi dobbiamo cercare di uscire e solo da un costante confronto diretto con gli operatori dei settori da noi rappresentati e le Amministrazioni del nostro territorio possono nascere proposte che permettano la valorizzazione e lo sviluppo delle singole potenzialità imprenditoriali, trovando proprio nella forza delle piccole e medie imprese che operano in realtà territoriali come Avigliano, il modo di superare questo difficile momento storico.” Protagonista dei tre giorni, il baccalà, il piatto tradizionale aviglianese, che i visitatori hanno potuto degustare. Tra i più noti il baccalà a ciauredda (a zuppa con pomodoro e cipolle fresche), con i peperoni “cruschi”, alle olive; i cavatelli al sugo di baccalà,orecchiette, patate e baccalà,strascinati con broccoli al baccalà,baccalà e fagioli cannellini e la zuppa di baccalà.

La grande festa che ha abbracciato tutto il centro storico ha visto la presenza anche di stand gastronomici di tutti i prodotti della terra. Le serate sono state allietate da concerti di musica popolare e spettacoli vari, in particolare il 23 agosto, dopo l’inaugurazione delle mostre: “Dietro le Quinte dei Quadri Plastici”, e la mostra di pittura di Mimia Bochicchio, il gruppo folkloristico aviglianese ha dato il benvenuto ai visitatori in corso Gianturco con l’allestimento anche di una mostra di antichi mestieri. Lo spettacolo musicale del gruppo brasiliano Banda Dona Joana ha chiuso la serata. Il 24 interessanti sono stati gli incontri promossi dal gruppo corodinamento donne, Auser “ Il piatto della nonna, culture a confronto”.A seguire “Dialoghi e tradizioni, le canzoni di Angiolino Santarsiero.Concerto di Pedro Bordello e concerto “Chiagn & Folk. L’ultimo giorno da segnalare il concerto del gruppo pugliese U’ Munacidde.

Lorenzo Zolfo