CONDIVIDI
premiazione al M° Minafra con la riproduzione del portale di Atella
premiazione al M° Minafra con la riproduzione del portale di Atella

Atella, 2013-08-06 – Un 2 Agosto ricco di musica nella cittadina angioina. Quattro complessi bandistici, nell’ambito della rassegna estiva R.Estate Atella 2013, si sono dati appuntamento per dar vita al 5° raduno Bandistico, principale protagonista, la musica.L’evento è stato organizzato dal complesso bandistico atellano, diretto dal M ° Pasquale Di Muro, presidente Michele Macchia. Sono stati invitati il complesso bandistico “Michele Lannunziata” citta’ di Lacedonia, m° Vincenzo Gesummaria presidente Antonio Rinaldi. Il concerto bandistico associazione “Amici della musica “di Montemilone m° Giovanni Matera, presidente Antonio Iezza e la banda municipale citta’ di Rapolla, m° Giovanni Rapone, presidente Marco Valvano. Il programma della giornata è stato ricco e vario: dopo la sfilata delle quattro bande per le strade cittadine, in piazza Matteotti c’è stata l’esibizione delle singole bande. La giornata si è conclusa in piazza Gramsci, davanti lo splendido Duomo dedicato a Santa Maria in Nives, con il concerto finale delle quattro bande, presentato da Carmela Pitillo. Ospite della serata il compositore e pianista Livio Minafra (Ruvo di Puglia, 16 settembre 1982), figlio del jazzista Pino Minafra, e vincitore dei premi Top Jazz nel 2005 (album Sud Ensamble), 2008 (album Terronia) e 2011 (album Surprise), che ha diretto il suo brano: “Dio è Zingaro” suonato dalle 4 bande, composte da 170 componenti. Pino Minafra da pochi mesi collabora con il complesso bandistico atellano, ha composto anche un brano dedicato al complesso atellano: “Atella”. Nel suo breve intervento ha detto: “ le bande sono qualcosa di unico, che non hanno gli altri.

Sono paragonabili al prodotto tipico della vostra terra, l’Aglianico, una esclusiva del Vulture”. A fine serata premiate le 4 bande dal Sindaco Nicola Telesca che ha esaltato questa serata: “ questa sera quattro complessi bandistici ci hanno deliziato con brani classici, moderni e colonne sonore. Le bande e la musica sono portatrici di grandi valori, insiti nel concetto di associazionismo, arte ed impegno, aggregazione e crescita culturale. Da 22 anni che il complesso bandistico atellano si prodiga nel diffondere la musica e fare aggregazione”.Alla premiazione hanno partecipato anche l’assessore alla cultura Carmela Caldaraor ed il presidente del complesso bandistico atellano, Michele Macchia con la donazione di un quadro realizzato da Michele Petillo, raffigurante la porta di Atella.

Lorenzo Zolfo