CONDIVIDI

Atella – Con una grandissima cornice di pubblico, 13 bands rock e blues, provenienti da tutta la Provincia, hanno dato vita il 21 agosto a uno spettacolo musicale entusiasmante che ha avuto come location la fascinosa Piazza Duomo di Atella. È stato un evento meraviglioso ha riferito chi ha partecipato.

Sul palco ha trionfato la musica viva quella bella tosta suonata da gruppi che stanno ottenendo risultati artistici eccezionali anche fuori dai confini lucani. Bravissimi sono stati tre gruppi di giovanissimi emergenti con un’età media di poco più di 16 anni ma anche i musicisti più esperti che si sono esibiti anche ben oltre la mezzanotte. La serata è conclusa con una Jam Session da brividi.delle chitarre del rock dei lead guitar delle bands presenti.

Il Patron indiscusso del VultuRock è ancora lui l’Avv. Mario Bencivenga,  è sua l’idea vincente, ma c’è chi lo ha visto anche curare personalmente con i suoi collaboratori ogni particolare della manifestazione, dalla grafica dei manifesti ai cartelloni degli sponsor, dal back line al soundcheck perché tutto funzionasse al meglio. Il batterista e percussionista sanfelese che ha collaborato per l’occasione con due Band con cui ha suonato ad Atella, schivo alle interviste, si concede a brevi battute: “Mi è piaciuto vedere l’interesse della persone che si fermavano ad ascoltare forse perché abbiamo portato  la musica in mezzo alla gente.

Questa quarta edizione ha visto crescere le collaborazioni musicali, lo scopo è stato quello di offrire un’esperienza più completa e variegata a chi aspettava questo evento, addetti ai lavori compresi. La mia riconoscenza va a tutti i musicisti e a quanti hanno collaborato per la realizzazione di questo evento.

Fondamentale nella riuscita dell’iniziativa è stato il contributo  di Pierangelo Lapadula che ha curato la pagina Facebook e non solo senza dimenticare il lavoro egregio da grandi professionisti degli speaker di Radio Vulture -Enrico e Emilio Sacco – che hanno trasmesso in diretta radiofonica tutta la manifestazione intervistando i gruppi dopo l’esibizione.

Che dire poi dei presentatori eccezionali, Giuseppe Carriero e Antonella Ragone, che hanno saputo gestire con maestria anche le brevi pause causate da inconvenienti tecnici che sono normali quando si suona dal vivo e con tanti gruppi.

Un grazie speciale all’amministrazione Comunale di Atella, dalla grande sensibilità artistica, per la disponibilità e collaborazione nell’organizzare l’evento. “Si è trattato di un’opportunità, conclude Bencivenga, per i musicisti che vi hanno partecipato  in un momento in cui, credo, il rilancio della nostra immagine regionale debba passare anche attraverso eventi concreti e visibili, con i quali ricordare le nostre eccellenze musicali lucane”.