CONDIVIDI

Atella – Con l’esibizione del Quintetto di Pino Minafra, una delle figure più emblematiche del jazz europeo, prendono il via l’11 marzo 2012 “I Concerti della Domenica”, manifestazione voluta dall’Amministrazione Comunale di Atella in collaborazione con il Complesso Bandistico Atellano giunta quest’anno alla sua terza edizione, la manifestazione affidata alla direzione artistica del M° Pasquale Di Muro. Trombettista, compositore, arrangiatore, didatta, direttore d’orchestra, da anni Minafra propone instancabilmente progetti affascinanti (da La Banda a Meridiana Multijazz Orchestra, fino a Minafric), ospitati anche all’estero sia in festival jazz che in cartelloni di classica, nei quali mescola assai spesso le sonorità jazz con quelle della tradizione (anche sacra) della sua terra d’origine, la Puglia. 
“Canto General” è stato concepito per mettere nella giusta luce e far conoscere le sonorità e le composizioni di alcuni musicisti sudafricani (Dudu Pukwana, Mongesi Feza, Johnny Dyani, Harry Miller, Louis Moholo, ecc.) scappati negli anni Settanta dal loro paese per sfuggire al regime di segregazione razziale vigente. Molti di quei musicisti non sono riusciti a sopravvivere a lungo in esilio e non sono riusciti a vedere il Sud Africa avviarsi faticosamente al superamento l’apartheid. L’ultimo testimone di quella straordinaria e fertile stagione, il batterista Louis “Tebugo” Moholo-Moholo, è però ancora sulla breccia ed ha suonato in alcune occasioni con Minafra, il suo Quintetto e la Minafric..
Nel corso della esibizione, il Quintetto proporrà i contenuti di amore, bellezza, gioia e rabbia propri di quella fertile e straordinaria stagione musicale, contenuti ancora vivi e drammaticamente attuali visti i problemi che affliggono ancora diversi paesi del continente africano.
Il programma sarà completato da alcune composizioni originali di Pino Minafra, che sarà accompagnato da Giorgio Vendola (contrabasso), Livio Minafra (piano), Vincenzo Mazzone (batteria).
Rispetto alla formazione ordinaria, per l’occasione il Quintetto sarà completato dal sassofonista Roberto Ottaviano, altro nome di spicco del panorama jazzistico italiano.
Anche attraverso l’esibizione del Quintetto di Pino Minafra, Atella cerca di tenere vivo quel sottile filo che lega questa comunità al Sud Africa. Disteso dall’intensa attività di promozione, religiosa, umana e civile, di padre Michele D’Annucci, il missionario stimmatino di Atella assassinato in quel lontano paese nel 2000, quel filo viene periodicamente ravvivato dalle diverse iniziative realizzate nel nome di padre Michele dalla comunità parrocchiale, dagli organismi associativi della cittadina e dalla Civica amministrazione.
I prossimi “Concerti della domenica”, che si svolgeranno come al solito nella Biblioteca Comunale alle ore 18,30, sono previsti il 18 Marzo (Brasse’s Sound Ensemble) e il 25 Marzo (Dixifrixi – Non solo dixieland).
Lorenzo Zolfo
La foto ritrae Pasquale Di Muro, direttore del complesso bandistico di Atella.