Home Artisti Lucani Poeti Vito Riviello

Vito Riviello

Vito Riviello

Il poeta lucano Vito Riviello,nacque a Potenza nel 1933 .Ha scritto su riviste e quotidiani e si era molto interessato di critica letteraria. Diversi suoi scritti sono stati tradotti in Islanda, Romania e Cecoslovacchia. Opere di Vito Riviello sono apparse su riviste quali: “Nuova presenza”, “Letteratura”, “Nuovi argomenti”, “Rendiconti”, “Carte segrete”, “Il caffè”, “Il cavallo di Troia”. E’ inserito nelle seguenti antologie: “Veleno”, “Oltre Eboli”, “Una rosa è una rosa e una rosa”, “Poesia italiana oggi”, “Poesia erotica italiana del Novecento”, “Coscienza e evanescenza. L’opera poetica di Vito Riviello, è uscita in un volume unico con il titolo complessivo Assurdo e familiare. Vi si possono leggere, con l’ausilio di una bella introduzione di Giulio Ferroni e di una nota bibliografica di Plinio Perilli, testi che vanno dagli anni Settanta (la prima raccolta di Riviello, L’astuzia della della realtà, è del 1975) alla produzione più recente, come quella di Monumentànee, datato 1992. È un libro atteso ed importante perché documenta nei suoi sviluppi l’attività di un autore che appartiene a una generazione “sperimentale” che, essendo emersa a ridosso delle neoavanguardie degli anni Sessanta e essendosi trovata a fare i conti con il riflusso culturale e la regressione alle poetiche mistiche e neoromantiche, si è vista finora ingiustamente trascurata nei panorami complessivi e nelle storie letterarie.