CONDIVIDI

icona_web_CRAPotenza, 18-05-2015 – La presenza della Basilicata ad EXPO2015 si arricchisce di nuovi eventi e occasioni che puntano a promuovere in vari modi le peculiarità lucane ai tanti visitatori che in queste settimane hanno cominciato ad affollare Milano. Accanto alla presenza istituzionale del padiglione in fiera, il programma dei cosiddetti “fuori Expo”, ovvero degli appuntamenti dentro la città a cura di Apt Basilicata, dopo l’inaugurazione dello spazio in libreria Mondadori, continua con la prima rassegna interamente dedicata al cibo, che avrà luogo dal 19 al 24 maggio alla Triennale. Si tratta di “Cibo a Regola d’Arte”, una kermesse di sei giornate non stop sulla cultura a tavola con autori, artisti, giornalisti e grandi cuochi: Massimo Bottura, Antonino Cannavacciuolo, Caterina Ceraudo, Carlo Cracco, Davide Oldani, Niko Romito, impegnati in masterclass, conversazioni, show cooking, incontri, laboratori per bambini. Giunta alla terza edizione, l’iniziativa è organizzata da Corriere della Sera e RCS con la Basilicata tra i principali partner e protagonisti, con tre eventi nei giorni centrali della rassegna.

Gli eventi lucani a Cibo a Regola d’Arte proseguono il percorso già iniziato a marzo scorso con il protocollo sottoscritto con l’Unione Regionale Cuochi Lucani e le prime iniziative svolte a Sheraton Malpensa e Riva del Garda. In sostanza si tratterà di due showcooking realizzati dagli chef lucani Vito Amato e Loredana Diasio, protagonisti il 20 e il 22 maggio, e di un appuntamento di speaking con il direttore generale dell’Apt, Gianpiero Perri, e con lo chef lucano Rocco Pozzulo, da pochi giorni divenuto presidente nazionale Federazione Italiana Cuochi e per questo presenza particolarmente autorevole per raccontare il food lucano. Faranno da cornice agli eventi le esposizioni di prodotti lucani, degustazioni e attività di comunicazione supportate dalla collaborazione con RCS e il Corriere della Sera.  Sarà quindi l’occasione per presentare una Basilicata “unica” anche a tavola: con prodotti che legano la storia della gastronomia lucana a una visione di qualità e originalità che l’estro e l’esperienza dei cuochi potrà dare. Tra i prodotti il pane di Matera, i peperoni cruschi e il pecorino che si affiancheranno alla lucanica, prodotto il cui nome stesso evoca le origini territoriali, conosciuto in tutto il mondo e che più di tutti può fare da locomotiva per il brand per la nostra regione e il suo food.

“Nel suo processo di crescita come destinazione turistica – commenta il direttore Perri – la Basilicata può sfruttare un veicolo di promozione importante come il food di qualità, sempre più considerato come testimonial di promozione territoriale, come elemento fondamentale di marketing integrato e non più solo come produzione agroalimentare. Ovviamente reinterpretando la nostra qualità in chiave moderna, grazie alla collaborazione con gli chef”. “E’ proprio questo il senso della collaborazione con l’Apt – gli fa eco Rocco Giubileo, presidente dell’Unione Regionale Cuochi Lucani – che ha come obiettivo il posizionamento di una regione il cui food può essere elemento caratterizzante di un futuro turistico in continua crescita”

Il programma della Basilicata a Cibo a Regola d’Arte

MERCOLEDI 20 MAGGIO H 14.00 – Teatro dell’arte.
Showcooking in collaborazione con Unione Regionale Cuochi Lucani
Chef Vito Amato e Loredana Diasio
Ricette:
Mousse di ricotta con fragole e petali di lucanica al cioccolata extra fondente
Fusilli lucani con funghi cardoncelli, lucanica e pomodorini con mollica croccante al peperone crusco

GIOVEDI 21 MAGGIO H 12.00
Speakeating: Dalla storia della Lucania, i sapori della Basilicata
Intervengono:
Gianpiero Perri – Direttore generale APT Basilicata
Rocco Pozzulo – presidente nazionale Federazione Italiana Cuochi

VENERDI 22 maggio H 13.00 Teatro dell’Arte
Showcooking in collaborazione con Unione Regionale Cuochi Lucani
Chef Vito Amato e Loredana Diasio
Ricette:
Sformatino di pecorino su passata di ceci al rosmarino e croccante di lucanica stagionata
Filetto di suino nero lucano laccato al ficotto con farcia alle mele, fichi secchi e mandorla con cremoso di patate al limone e rape saltate