CONDIVIDI

Potenza – «La Basilicata non è soltanto un insieme di paesaggi naturalistici e di panorami bellissimi. È un’idea antropomorfa, una storia di comunità scolpita su un volto seducente e iconico come fosse pietra».

È questa l’idea che ispira Portrait of Land, l’opera del visual artist Silvio Giordano, che è stata presentata in anteprima già alla Borsa internazionale del Turismo a Milano.

Il video di Giordano, prodotto dall’Agenzia di Promozione Territoriale della Basilicata, è stato realizzato in collaborazione con Effenove, società di computer grafica di Potenza, e vuole comunicare un’immagine inedita e originale della Basilicata, rappresentata attraverso un videoart di 3 minuti realizzato con tecniche di scansione tridimensionale dei volti presenti nel video, della scultura digitale e dell’animazione.

Il video “Portrait of Land”, già lanciato da APT sui canali nazionali twitter di Enit (@Italia) e sul proprio network social Basilicata Turistica, mostra una serie di volti iconici che raccontano altrettanti paesi della Basilicata in modo nuovo, con i visi modellati in 3D che con la tecnica della scultura digitale sono fusi con i simboli caratteristici e riconoscibili di Brienza, Satriano, Brindisi di Montagna, Melfi, Venosa, Senise, Metaponto, Irsina, Potenza, Matera.

Al video hanno partecipato anche Gianluca Sanza, che ha curato il sound design e composto le musiche del video, e l’attore Erminio Truncellito, la cui voce narrante accompagna il video su testo dello stesso Giordano.

Un percorso che richiama la pietra dei castelli, del patrimonio artistico e delle chiese lucane, capace di restituire al visitatore lo stato d’animo tipico di chi s’immerge in un’aura autentica e senza tempo.

Emerge un’atmosfera caratterizzata da colori forti, richiami ancestrali, testimonianze archeologiche rare e preziose; tenute insieme dal linguaggio tipico dell’estetica dei più attuali videogame che sempre più spesso sono utilizzati come strumento per comunicare al mondo la bellezza del patrimonio culturale italiano.

«Sono soprattutto i dettagli invisibili e immateriali a permanere nel ricordo del turista che attraversa la Basilicata – spiega Silvio Giordano – l’atmosfera accogliente, i sapori, l’eredità leggendaria e la sensazione di tornare molto indietro nel tempo: la Basilicata è un viaggio all’origine del mondo, tra mito e realtà».

«E’ sempre più necessario – afferma il direttore generale APT, Mariano Schiavone – comprendere che nel grande panorama delle destinazioni turistiche italiane, la promozione deve passare attraverso contenuti diversi fra loro, di qualità e originali, in maniera da catturare i potenziali viaggiatori interessati ai differenti tipi di offerta turistica e chiaramente raggiunti da vari canali di comunicazioni e da vari linguaggi.

In questo caso raccontare storia, cultura e borghi con la visione originale di un artista e tecniche innovative di professionalità lucane rappresenta un ulteriore terreno di sperimentazione che può dare ancora risultati positivi».