CONDIVIDI

anciIl M5S Potenza, nella persona del portavoce al Consiglio comunale Savino Giannizzari, si interroga su quali siano il ruolo e le concrete finalità di un’organizzazione, l’Anci regionale, dalla cui assemblea intitolata “Un piano di contrasto allo spopolamento della Basilicata” sono scaturite proposte del tutto fumose e poco attinenti alla drammatica realtà di emigrazione e invecchiamento che la Lucania si trova ad affrontare.

Significativo il disaccordo tra il presidente Anci Salvatore Adduce, la cui ricetta pone genericamente alla base della risalita demografica la cultura e il turismo, oltre a una rete di relazioni tutte ancora da elaborare e costruire (come si evince dal termine “cantiere” da lui stesso utilizzato), e quanto affermato di contro dal sindaco di Potenza Dario De Luca: per il quale è necessaria una nuova, massiccia industrializzazione della Basilicata. Basata anche, secondo il primo cittadino, sulla ricostruzione delle aree abbandonate.

Soluzioni agli antipodi e in ogni caso di complessa realizzazione, ma che soprattutto tagliano fuori i cittadini e le vere istanze del territorio. A cui invece il M5S fa sempre riferimento e dalle quali ritiene sia obbligatorio ripartire: temi a noi cari – come il concetto di smart city, l’efficientamento energetico, le energie rinnovabili e non ultima la riqualificazione sismica degli edifici pubblici – che non hanno trovato spazio in una riunione, quella dell’Anci, troppo autoriferita e che ha confermato la distanza siderale intercorrente tra la classe dirigente regionale e i cittadini lucani.

All’assemblea ha preso parte anche Viviana Verri, da giugno sindaco di Pisticci (primo del M5S in Basilicata) e delegato Anci. Queste le sue considerazioni: “Non dobbiamo perdere il contatto con la realtà che i comuni lucani affrontano quotidianamente, fatta di enormi difficoltà nel fronteggiare anche l’ordinaria amministrazione, tra carenza di risorse umane e vincoli legislativi spesso asfissianti.

Occorre ripartire proprio da questo, dalla vivibilità dei nostri territori, dal potenziamento delle infrastrutture e dei servizi che rendano concrete e credibili le possibilità di investimento nei nostri paesi. Insomma dobbiamo dare un segnale concreto di speranza a tutti quei ragazzi che vorrebbero rimanere nella loro regione ma che non riescono più a trovare nelle istituzioni un interlocutore credibile per realizzare i loro progetti”.

Portavoce Comunale Savino Giannizzari
Sindachessa Comune di Pisticci Avv. Viviana Verri