CONDIVIDI

A3Matera,2014-03-07 – La Convenzione bilaterale, contro la doppia imposizione stipulata tra Italia e Albania, firmata a Tirana il 12 dicembre 1994 e ratificata in Italia il 21 maggio 1998, la tassazione sugli utili del 10 – 15 percento, una forza lavoro qualificata e con un costo della manodopera tra i più bassi d’Europa, sono solo alcuni dei punti a favore dell’intraprendere un’attività in Albania. Delle reali opportunità di investimento nel Paese dei Balcani si parlerà nel convegno “Albania: la grande opportunità per le piccole imprese italiane”.

L’incontro, patrocinato dall’Ordine dei dottori Commercialisti e degli Esperti contabili di Matera (Odcec) e da Confartigianato imprese, si svolgerà  – con inizio alle 9 – sabato 8 marzo 2014 alla Mediateca provinciale “Antonello Ribecco” a Matera. Moderato dal giornalista Filippo Olivieri e organizzato dallo Studio Gucci – Commercialisti & revisori contabili e da Amministraimpresa, il convegno offrirà un quadro chiaro e preciso dell’attuale situazione economica, sociale e politica in Albania. Al professore Costantino Di Cunto, il compito di illustrare “Il legame storico-culturale tra Albania e Italia”, dello scenario fiscale italiano relazionerà il presidente dell’ODCEC di Matera Eustachio Quintano. Il commercialista Mario Gucci, titolare di uno studio contabile in Albania, spiegherà la “Situazione macroeconomica albanese”. Due interventi sono affidati a professionisti dell’Albania: l’avvocato Oltjan Hoxholli, che parlerà dello “Scenario legislativo albanese e Pubblica sicurezza “ e il commercialista Bledar Manaj che incentrerà la sua relazione su ”Il Fisco in Albania”.

Il convegno a Matera, che per la sua attualità è stato accreditato dall’ dall’Ordine dei dottori Commercialisti e degli Esperti contabili di Matera e conferisce 4 crediti formativi ai partecipanti, vuole essere un momento formativo e di divulgazione delle opportunità di impresa in Albania.  Opportunità ribadite a livello nazionale in importanti incontri come il Forum economico “Albania in Europa, nuove opportunità di cooperazione economica e industriale per le imprese italiane” del 2012 a Roma. Momento in cui l’allora ministro degli Affari Esteri – Giulio Terzi sottolineò l’eccellente livello delle relazioni italo-albanesi e le ottime opportunità di investimento che l’Albania offre, invitando la realtà imprenditoriale italiana a stringere maggiori accordi con i soggetti del mondo economico albanese.

Ed è di queste ore  il discorso del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in visita ufficiale a Tirana:  “Il legame tra noi è il frutto di radicate affinità culturali e dell’antica amicizia tra Italia e Albania, che hanno trovato fertile stimolo nella prossimità geografica tra le due sponde dell’Adriatico e nelle vicende – anche se a tratti dolorose e drammatiche – di una lunga storia comune”. È quanto ha affermato il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, pronunciando il brindisi nel corso della colazione offerta dal Presidente della Repubblica d’Albania, Bujar Nishani, oggi a Tirana. In queste ore, Napolitano è al Parlamento albanese per rivolgere un discorso rivolto all’Assemblea Nazionale. infine, prima del suo rientro a Roma, il Presidente incontrerà i rappresentanti della comunità italiana che lavorano in Albania.