CONDIVIDI
Pina Ruta
Pina Ruta

Barile  – Nata e vissuta nel paese albanofono ( di cui conosce perfettamente Lingua etnica, proverbi popolari, costumanze e tradizioni antiche) fervono i preparativi per farle, degnamente, festa . E’ Giuseppa RUTA, nata a Barile l’8 Novembre 1913 , vedova dal lontano 1977 dell’agricoltore Nicola Malanga , già reduce della 2^ guerra mondiale (dopo sette anni di prigionìa in Africa orientale) e poi emigrato , come tanti altri, in Svizzera .Giuseppa , meglio conosciuta da tutti come”Pinia Ndurlinit”, fra mille sacrifici, in campagna a raccogliere olive ed uva e lavori all’uncinetto , ha allevato una nidiata di ben 5 figli (tre donne: Maria, Incoronata (Tella) , Assunta coniugate e viventi in Argentina (Buenos Aires) e nord Italia (Treviso) . E due maschi , Giuseppe , coniugato a Rionero in Vulture e già nonno, e Michele , già ferroviere e dirigente pro-loco e centro sociale-terza età a Barile.

Per sabato 9 . dunque, nella sala –convegni della Pro Loco (Palazzo Frusci) tutti in festa per Pina, nuova centenaria del paese. Il sindaco Giuseppe Mecca, con la fascia tricolore , le consegnerà una bella targa-ricordo ed il presidente della Pro Loco (il sodalizio turistico è fra i più antichi della regione, fondato da 47 anni ) Daniele Bracuto, parteciperà al buffet successivo, dedicandole un’artistica pergamena di B.I.A. (Basilicata In Arte). AUGURONI , cara Pina, anche da parte di tutto il vicinato storico (gjitonìa) della nostra infanzia, in Via Piave (vds. Foto Zolla, 1954) e tanti sinceri complimenti da noi tutti, Me Shendet !!!!

Donato Michele Mazzeo