CONDIVIDI

Manifesto 8 agostoLauria (PZ), 2014-08-08 – L’8 agosto del 1806 le truppe francesi discendevano la penisola, conquistando il Regno delle Due Sicilie. Ferdinando di Borbone era  scappato (come suo solito) in Sicilia, lasciando un’avanguardia di ufficiali e avventurieri a resistere all’invasore. A Lauria, nodo strategico sulla via delle Calabrie, la resistenza fu spontanea e popolare. Fu una resistenza civile. Duemila morti, vecchi donne e bambini, che decretarono definitivamente l’aggressivo stampo imperialista del dominio napoleonico, e l’incapacità borbonica di difendere le proprie terre. Un evento che sancì l’irruenza della Storia sulla pelle della povera gente. 

Cominceremo di mattina con l’escursione sui luoghi della battaglia e della memoria: un percorso in cui la ricostruzione storica ci aiuterà a capire meglio com’era il nostro territorio, cosa osservavano il generale Massena e le sue truppe. Continueremo sui luoghi dove infuocò la battaglia.

E se dopo la Storia e la Memoria vi va di estendere la conoscenza di quel periodo anche al vostro palato, non perdetevi il “menù dell’insorgente”: con soli 12 euro farete un salto a ritroso nei gusti di un tempo.

Per un intero giorno rievocheremo il sacco di Lauria e lo faremo attraverso molteplici attività, variegate modalità: per conoscere meglio un pezzo di storia lucana attraverso teatro, arte, musica, memoria. L’8 agosto venite a trascorrere una giornata a Lauria: capirete perché diventammo un popolo di insorgenti.

Facciamo dell’8 agosto il nostro giorno della memoria: storica e sociale. Quello che eravamo, che avremmo potuto essere e che non siamo stati. L’8 agosto 1806, una data che sembra persa nel tempo, è in realtà alla base della nostra identità – economica, politica, urbanistica – degli ultimi duecento anni. Rendiamo l’8 agosto non il giorno in cui sventolano bandiere contrapposte, bensì quello in cui prevale la condanna di ogni guerra, giunta tra le nostre case con quell’immane tragedia, solenne come solo la Storia sa essere.

A cura dell’ISSBAM – Istituto di Studi Storici per la Basilicata Meridionale (issbam@gmail.com)

Carmine Cassino

Segnaliamo il blog curato da Carmine Cassino su: Il quotidiano della Basilicata: clicca qui per visualizzarlo.