CONDIVIDI

Salerno . Domenica 1 MAGGIO i Musei della Soprintendenza BEAP di Salerno e Avellino, guidata da Francesca Casule, resteranno tutti aperti al pubblico e con ingresso gratuito. Il complesso monumentale di San Pietro a Corte (Ipogeo e Cappella Sant’Anna), nel centro storico di Salerno, osserverà il seguente orario: dalle 8.00 alle 20.00. Resterà, invece, aperto dalle ore 9.30 alle 13.00 il complesso abbaziale di Santa Maria de Olearia a Maiori, l’iniziativa è a cura del comune di Maiori che di recente, 11 aprile 2016, ha stipulato con la Soprintendenza un protocollo d’intesa per la promozione e fruizione del monumento. Il Carcere Borbonico di Avellino accoglierà i visitatori dalle ore 8.00 alle 14.00 e dalle 15.00 alle 21.00. In tutti e tre i siti saranno promosse iniziative didattiche ed artistiche.

SAN PIETRO A CORTE con la mostra di arte contemporanea FACE TO FACE

il soprintendente francesca casule con i funzionari michele faiella, rosanna romano, stefania ugatti e rosa maria vitola
il soprintendente francesca casule con i funzionari michele faiella, rosanna romano, stefania ugatti e rosa maria vitola

Oltre alla consueta visita al monumento, i turisti potranno ammirare l’opera dell’artista Claire Tabouret raffigurante Les diadèmes (la rousse), un dipinto acrilico su tela (mis. 55×46) della mostra di arte contemporanea “FACE TO FACE” che si tiene a Palazzo Fruscione (visitabile anche il 1 MAGGIO, ndr), ed esposta nella Cappella S. Anna di San Pietro a Corte. Inoltre alcuni Funzionari della Soprintendenza saranno presenti per fornire informazioni sul lavoro svolto per garantire la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale nazionale.

FACE TO FACE/SALERNO. Dopo “Cara Domani” al Museo Mambo di Bologna e “The Go Between” al Museo di Capodimonte a Napoli, il famoso designer di calzature nonché collezionista appassionato d’arte a tempo pieno, Ernesto Esposito presenta a Salerno una selezione di centodue artisti emergenti di tutto il panorama dell’arte contemporanea mondiale: Italia, Europa, America del Nord, America del Sud, Africa, Australia, tutti presenti in una delle più eterogenee collezioni dei nostri giorni. FACE TO FACE è organizzata dalla Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino, dal Comune di Salerno, con il Patrocinio dell’Autorità Portuale di Salerno, Azienda Soggiorno e Turismo di Salerno e della Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. L’esposizione resterà aperta fino al 1 maggio 2016 con ingresso gratuito.

SANTA MARIA DE OLEARIA con visite guidate

Visite guidate a cura del comune di Maiori. SAN MARIA de OLEARIA, di proprietà dello Stato, è uno dei più celebri insediamenti monastici dell’antico Ducato di Amalfi medievale, collocato lungo la Costiera, dopo Capo d’Orso e prima del centro urbano di Maiori. La sua importanza deriva soprattutto dai cicli pittorici medievali che ancora si conservano all’interno. Come   si raggiunge l’abbazia di Santa Maria de Olearia. Situata a 4 km dal centro di Maiori con accesso sulla S.S. 163 / Percorso a piedi : 40 minuti da Maiori percorrendo la Strada Statale / In Auto: 10 minuti da Maiori, 30 minuti da Salerno / TAXI Maiori: tel. 089.416078 / Bus SITA linea Amalfi-Maiori-Salerno. Informazioni su www.comune.maiori.sa.it – Ufficio Turismo Comune di Maiori: tel. 089814209

CARCERE BORBONICO DI AVELLINO con mostre, film e visite guidate

Viene allestita una mostra documentaria sull’antica tratta ferroviaria Avellino Rocchetta. Nel pomeriggio sono previste due proiezione del film Ultima fermata del regista Giambattista Assanti. La proiezione delle ore 18.00 è preceduta da un dibattito a cui interverranno il regista, i sindaci dei paesi compresi nella tratta Avellino Rocchetta, l’architetta Cinzia Vitale funzionaria della Soprintendenza e l’architetto Romeo Gentile in rappresentanza del governatore della Campania Vincenzo De Luca. La Soprintendenza ha inteso dedicare la giornata alla storica ferrovia Avellino Rocchetta soprattutto per informare la città sulla proposta di dichiarazione dell’interesse culturale della stessa. Nella mattinata l’UNICEF espone: i lavori degli alunni dell’Istituto Perna-Alighieri per l’evento Noi ci siamo…NutriAMO il mondo; i simboli della Pasqua ucraina, che cade il 1° maggio, a cura dell’Associazione Ucraini Irpini; 3 pigotte d’artista realizzate da Gennaro Vallifuoco, Corcione Sandoval e Ettore De Conciliis.

E’ visitabile, durante tutta la giornata, il giardino degli odori in piena fioritura.